E gli editori?

Riprendo un post di Giuseppe Granieri che si ispira al tormentone del "fare a meno degli editori". La notizia è la scelta di un autore (no NY top seller listed) di scegliere come editore Amazon, con un accordo diretto, peraltro protetto da NDA (!!!!).

E' una svolta (Shatzkin); no, non lo è (Bransford). Insieme a Granieri, sono con Bransford:

"My own feeling is that I'm a little surprised that everyone is so surprised. I also think it's important to remember that there isn't going to be any one way people publish books for the foreseeable future, there will be no single fatal blow to publishers and a mad rush for the exits, nor will traditional publishers necessarily be able to count on authors needing them to reach readers (especially when they're paying paltry e-book royalties). Instead there will be a spectrum of options, from the traditional to the unconventional, and what works for one author, even wildly well, is not necessarily going to work for another."

E se gli editori invece, si concentrassero sul proprio mestiere, su come offrire lo "spectrum of options" a autori e lettori? Forse qui stanno le opportunità. Ricordo questo key note di Tim O'Reilly a NY lo scorso marzo a cui assegnò un doppio titolo: "The Future of Digital Distribution and Ebook Marketing" oppure: "Why there will always be publishers".

Commenti

Nessun commento.

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!