Bookrepublic, i contenuti, le persone

Bookrepublic, i contenuti, le persone

Logo Bookrepublic.it

Bookrepublic ha un nuovo logo, senza grazie, più deciso e diretto; che esprime meglio ciò che stiamo facendo ora.

Bookrepublic si sta evolvendo in due direzioni che si assomigliano molto e sono coerenti con la visione che stiamo raccontando da un po’ di tempo: lo sviluppo  dell’ebook pensandolo sempre di più come contenuto da leggere e meno come prodotto da acquistare e la migrazione verso una nuova industria dei contenuti, che per noi significa il mondo sterminato delle “storie fuori dai libri”.

Per quanto riguarda gli ebook, dopo anni di furiose promozioni la gente ha le librerie piene; e anche l’offerta di storie (non solo in formato testuale e non solo a pagamento) è aumentata a dismisura insieme alle possibilità di accesso.

Noi abbiamo sempre detto che ci interessava la relazione con i lettori: la stiamo ripensando mettendo al centro il contenuto, il testo, che deve, a nostro avviso:

  • tornare a essere la prima interfaccia per il lettore;
  • essere leggibile immediatamente anche in un ambiente aperto, libero da DRM.

Bookrepublic continuerà a crescere come libreria da cui acquistare tutti gli ebook disponibili in italiano, ma faremo sempre più viaggiare i contenuti, ogni singolo libro (o la sua  preview), attraverso un cloud reader che opererà su qualunque device (a eccezione dell’unico che non ce lo consente); il browser sarà lo strumento di accesso e di lettura del testo.

Siamo partiti con poche essenziali funzionalità e quelle che aggiungeremo saranno il risultato dell’esperienza e dei feedback dei lettori.

Oltre a comunicare ai lettori promozioni, novità, percorsi di lettura come abbiamo fatto finora, studieremo come attivare tutti i possibili punti di contatto tra lettori e contenuti: il reader sarà sempre di più la nostra interfaccia e intorno ad esso stiamo lavorando ad alcune partnership importanti.

Per quanto riguarda poi la nuova industria dei contenuti, è grazie soprattutto alla tecnologia, che in questi anni sono mutati il modo di raccontare storie e, ancor di più, le relazioni tra queste narrazioni e le persone che le ascoltano, le creano, le condividono.

Abbiamo parlato e parleremo di questo a IfBookThen e da qualche anno lavoriamo con molte aziende e agenzie per mettere a loro disposizione il nostro know-how editoriale nel generare contenuti di qualità, renderli pubblicabili, renderli disponibili sui principali social network e altre piattaforme di publishing e gestire la relazione che essi stabiliscono con individui e community. Questo percorso prende oggi la forma di Bookrepublic, The Content Agency.

Per fare alcuni esempi che conosciamo, al supermercato del futuro (all’interno di EXPO), non sarà il packaging a comunicare il prodotto, ma informazioni (o storie) che si attiveranno e appariranno su monitor in risposta a determinate azioni dei visitatori. Probabilmente, pochi conoscono Goppion, che oltre a essere l’azienda leader mondiale – una delle tante sconosciute eccellenze italiane - nelle installazioni museali, sta investendo per rendere possibile l’interazione diretta tra visitatori e opere attraverso le proprie installazioni.

In questi esempi, la relazione tra un prodotto o un’opera d’arte e i visitatori, mediata dalla tecnologia, può diventare molto più “calda”, si trasferiscono sempre più emozioni in aggiunta a informazioni. Occorrono contenuti in grado di intrattenere e coinvolgere i visitatori, che chi si è occupato di packaging di prodotto o didascalie museali non ha mai sviluppato.

The Content Agency è il valore aggiunto che trasforma una relazione fredda, basata su informazioni, in una relazione calda, basata su storie e tecnologia.

Lettori, clienti, visitatori, spettatori o altro. Per noi sono persone; a qualcuno piace leggere e sono coloro ai quali siamo più vicini, per i quali lavoreremo sempre per migliorare la loro esperienza; ma raggiungeremo anche molti altri che lettori non sono o che non si aspettano che in certe situazioni possa essere una storia a sorprenderli e a catturarli.

Nella nuova Bookrepublic le vendite di libri saranno sempre più la logica conseguenza della nostra capacità di offrire servizi per leggere meglio e per eliminare le distanze tra persone e storie. Prima lettori, poi clienti: sembra una differenza da poco, ma in realtà è un cambio di prospettiva radicale.

 

Commenti

Nessun commento.

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!