Archivi della categoria: Robe da smanettoni

Lavori in corso per uno standard su annotazioni e segnalibri digitali

Una notizia che forse oggi fa gola solo a veri smanettoni, ma domani potrebbe fare la gioia di molti lettori è l'annuncio del NISO (National Information Standard Organization) di aver iniziato i lavori su uno standard per la condivisione di segnalibri e annotazioni sulle pubblicazioni digitali.

La possibilità di fare riferimento preciso a un punto specifico all'interno di un testo digitale è fondamentale per l'uso di segnalibri e annotazioni in ambiente digitale. Sia per semplici lettori sia per ricercatori e professionisti, simili riferimenti devono essere utilizzabili attraverso diversi sistemi di lettura, così da permettere un uso condiviso ...

Breaking news! Amazon Kindle Fire

Diciamo che nella scorsa settimana siete stati presi da altre cose e non ve ne siete accorti. Se così fosse...

BREAKING NEWS!

Amazon ha lanciato Kindle Fire: venerdì scorso (il 28 settembre) la rete era un florilegio di live streaming e - almeno sul mio monitor - di finestrelle di gtalk di amici, colleghi e simpatizzanti che commentavano in diretta l'evento di New York, quasi fosse la versione nerd della finale dei mondiali. Diciamo anche che siete stati davvero indaffarati e non avete proprio avuto tempo di leggere nessuno degli innumerevoli post che vi ha raccontato in lungo e in largo ...

Voltiamo pagina?

Parlando della difficoltà di trovare un metodo per fare riferimento a una porzione specifica del testo abbiamo ricordato una caratteristica dei formati fluidi per gli ebook (come epub e mobi, per esempio): la pagina fissa scompare e il contenuto è in grado di adattarsi allo schermo su cui stiamo leggendo, a seconda delle dimensioni del carattere che abbiamo selezionato. Torniamo sul tema delle pagine per ragionare sulle diverse possibilità per andare avanti nella lettura: sfogliare o scorrere? L'alternativa tra questi due metodi influenza l'esperienza di lettura e la percezione di entrambe varia a seconda del modo in cui il ...

App o Web app, that is the question

A partire dal febbraio 2011 Apple ha iniziato a cambiare le regole del gioco per le applicazioni con all'interno link che puntavano a siti esterni per l'acquisto di contenuti: le transazioni devono passare per l’In-App Purchase pagando ad Apple, che in questo modo le gestisce, il 30%.

Giornali e librerie sono tra i primi a dover modificare le loro applicazioni: Kobo annuncia in luglio – dopo aver eliminato il link alla libreria all’interno della sua app – di lavorare a una Web app in HTML5, così da aggirare la restrizione di Apple. Amazon informa i lettori attraverso i ...

Ti potrebbe interessare leggere anche...

Ciao [nome di amico a piacere]! Ma sai che ti pensavo giusto l'altro giorno? Stavo leggendo [nome di libro a piacere] e c'è un [personaggio/luogo/situazione]... be', insomma: era impossibile non pensare proprio a te! Devi leggerlo anche tu!

Conversazione a caso, colta in un momento qualunque.

Non c'è niente di meglio che il consiglio di un buon libro da parte di un amico. O di un libraio. O di qualcuno con sufficienti doti empatiche da capire cosa può farci piacere leggere in un certo momento della nostra vita. Consigli, suggerimenti, proposte; se vi sentite esotici ...

Lista dei difetti degli ereader (per consumatori, editor, editori e designer perspicaci)

Traduzione dall'originale

The ereader incompetence checklist (for discerning consumers, editors, publishers and designers)

di Craig Mod, craigmod.com, Ottobre 2010

Non faccio che ripetere la stessa conversazione. Comincia con:
“Non ti piace l'app di Wired per iPad? Perché? È così [aggettivo positivo].” “Be', per dirne una: non è neppure testo...” “Ma è proprio uguale alla rivista di carta!”

Arrivati a questo punto parto con il mio monologo sugli artefatti, il testo digitale e su cosa dovremmo aspettarci dalle nostre esperienze di lettura digitale.

La battuta finale è questa: la maggior parte delle nostre esperienze di lettura sono decisamente ...

Ibis Reader

Ibis Reader (sviluppata da Threepress Consulting) è un'applicazione gratuita per leggere ebook in formato ePub disponibile per smartphone, netbook e computer. Registrandosi al servizio permette di salvare la propria biblioteca online e accedervi in ogni momento. Permette di leggere anche offline e funziona senza bisogno di scaricare o installare niente. Attenzione però: potete leggere solo ePub non protetti con Adobe DRM.

Per aggiungerla tra le applicazioni del vostro iPhone, per esempio, dovete semplicemente andare sulla homepage del sito e seguire il link per la versione iPhone / Android. Da lì occorre toccare la voce "Aggiungi a Home" per avere Ibis ...

Tutto scorre

Una delle prime cose che ci viene ricordata appena abbiamo a che fare con certi formati per gli ebook (ePub e mobi, per esempio) è che le pagine non esistono più. Questo perché la loro prima caratteristica è la riadattabilità allo schermo del dispositivo su cui leggiamo, che mostra tanto testo quanto può contenerne la finestra del software di lettura, a seconda - per esempio - della dimensione del carattere che abbiamo scelto per leggere. La pagina fissa scompare permettendo al testo di adattarsi alle nostre preferenze: per questa ragione sono detti formati fluidi. Vi sarà capitato di notare l'indicazione di ...

epub e metadati: qualche appunto

Di cosa si tratta l'hanno spiegato già in molti:
metadata (data about data) "a library catalog is metadata because it describes publications"

WordNet Search - 3.0, metadata

Metadata (metacontent) is defined as data providing information about one or more aspects of the data

Wikipedia, metadata

Structured data about data. Increasingly this term refers to any data used to aid the identification, description and location of networked electronic resources.

Statewide Database, metadata

Ma bando ai discorsi generali, parliamo di metadati riguardo i libri, e in particolar modo relativamente a quelli digitali. A cosa servono? Come gestirli? Perché usarli? Quali scegliere ...

epub3: la discussione è in rete

A una settimana dalla pubblicazione della bozza delle specifiche dell'epub3 iniziano a sentirsi i primi commenti - anche critici - sulle novità e le modifiche apportate allo standard. Sta facendo discutere un post comparso domenica su Making epub happen, il blog della squadra di sviluppo di Sigil1, Analysis of epub3 (and, uh, bit more), in cui si mettono in evidenza attraverso un'analisi molto dettagliata alcuni aspetti ritenuti critici perché difficili da tenere sotto controllo. Il primo punto riguarda la possibilità di utilizzare script all'interno dell'epub. Per quanto le specifiche raccomandino un uso ristretto a ciò che è ...