Archivi per il tag: editori

I lettori non salveranno gli editori da Amazon

La disputa tra Amazon e Hachette denuncia a mio modo di vedere esattamente questo: il ruolo di pedina, di paravento retorico, di elemento di ricatto e di ostaggio direi, che viene assegnato ai lettori. Eppure mai come oggi i lettori possono scegliere ed esser protagonisti del mercato editoriale.
Più sostenibile sarebbe che una fetta sempre maggiore di lettori decidesse di guardarsi intorno e di scegliere non solo il contenuto ma anche la modalità dei propri acquisti. Alleandosi con editori meno altèri e più attenti ai servizi, reclamerebbero finalmente la centralità del loro ruolo nell’industria editoriale.

Così termina un ...

Amazon, Apple e gli ebook "usati": dentro o fuori dalla realtà

imagesLa notizia è di qualche tempo fa: Amazon (inizio Febbraio) e Apple (inizio marzo) hanno annunciato di aver brevettato un sistema per consentire ai propri clienti di rivendere ad altri utenti un ebook regolarmente acquistato dai rispettivi store. In pratica, poichè l'acquisto di un ebook è in realtà l'acquisto dell'accesso a un file, si tratta di vendere ad altri questo accesso; la tecnologia brevettata da Amazon e Apple consente questo trasferimento e impedisce a chi ha venduto di poter continuare ad accedere al medesimo file. Nasce un "secondo mercato", il mercato dell' "usato" dell'ebook (ma anche ...

Generazione pA (post Amazon)

600-029042C'è in giro una popolazione variegata, con provenienze culturali molto diverse, esperienze professionali in apparenza distanti, età differenti, che si riunisce intorno a un bisogno antico e a una passione che quando ti prende non ti lascia: la lettura, con il libro, i suoi formati e i suoi mestieri.

Sono imprenditori editoriali, agenti, autori, ingegneri, sviluppatori che stanno dando vita in diverse parti del globo a tantissime iniziative che coniugano contenuti, tecnologia e dati. E' la generazione post Amazon.

Sono tutti innovatori, a vario titolo e in diversa misura. Tutti aggiungono un pezzo, si specializzano in un aspetto particolare ...

20 anni non sono tanti

Mi è capitato tra le mani "Dieci domande sui libri" pubblicato da Sellerio nel 1993. Riporta la lezione di Herbert Lottman (allora corrispondente di "Publisher weekly") alla Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri del 31 gennaio 1992; un libriccino con alcune perle. Ne riprendo due.

Di solito è l'editore più vecchio, l'editore industriale, che avverte la crisi. Quando parlo con persone più giovani - o con persone anziane con idee giovani -, scopro che non sanno nemmeno di essere in recessione; fanno progetti. Forse sanno che oggi si vendono più libri e si fanno più soldi che mai. E ...

Editoria, business da ingegneri

Interessante l'intervista a Victoria Barnsley, UK e International CEO di Harper Collins. "Non possiamo più continuare a pensare a noi stessi come editori di libri", ma piuttosto come "producers di contenuti multimediali". Passato e futuro: un futuro che dovrebbe essere già presente, vista la velocità del cambiamento.

Ma un futuro anche un po' incerto, perchè le strade possibili sono molte e per niente confortevoli; il passaggio da editori a producers non è banale e magari non è neanche l'unica trasformazione necessaria. Penso, ad esempio, alle opportunità che gli editori avrebbero nel vendere direttamente ai loro clienti finali, oppure ...

Il prezzo degli ebook, Amazon, lettori, editori, autori (e Bookrepublic)

Libri a 1€; anzi a 0,99€; 70%, 80%, 90% di sconto. Da qualche settimana succede tutti i giorni, da noi e altrove. Si chiamano "daily deal", ovvero "affari del giorno". Come ci siamo arrivati e dove (forse) andremo?

Amazon e il sottocosto. L'abitudine di vendere gli ebook sottocosto (pagando cioè agli editori commissioni più alte del prezzo riscosso dal cliente finale) Amazon l'ha mostrata fin dall'inizio: vendeva tutto a 9.99 $, quando il prezzo di copertina della versione cartacea hardcover superava anche i 30$ e il paperback la metà. Furono i grandi editori, con Macmillan in ...

Perchè gli autori continuano a volere gli editori

Consiglio vivamente la lettura di questo post di Emily Williams. Semplice e chiaro, descrive il contesto nel quale si vanno ridefinendo le regole che stabiliscono la relazione autori-agenti-editori.

The argument goes something like this: in entering the ebook world we’re moving from the most stable and mature market for creative works that exists — the 500-year-old print book market — into the vast unknown. It makes no sense to demand that an author turn over rights to the publisher for the rest of his or her life plus 70 years when no one can tell what the market might look like ...

Santachiara e il modulo della difesa a oltranza

O non lo sa, o fa finta di non saperlo. Propendiamo per la seconda ipotesi.

Riprendendo un paragone calcistico (sono passati di moda, come le vuvuzelas, complici Lippi e compagni), le dichiarazioni di Santachiara sono la rivendicazione di un modulo del tutto nuovo: la difesa a oltranza.

Per adesso, l’agente e gli autori che egli rappresenta non concedono alcun diritto per gli ebook. Si chiudono in difesa; nessuna mossa offensiva, ma tutti indietro a salvare il momentaneo zero a zero. Leggi: cari editori, fate il vostro dovere, andate dal governo e fate ridurre l’IVA; poi andate dai distributori ...

Primo giorno...

Lo store, dunque, e' online.
La nuova sede e' operativa.
La squadra e' compatta e l'organizzazione del lavoro e' quella di una start-up collaudata e matura.
Soddisfazione enorme: sei mesi fa eravamo un progetto in costruzione.
Siamo consapevoli di avere molta strada davanti, di avere molte correzioni e calibrature da fare, ma i feedback sono positivi, ci incoraggiano. Dico: criticateci, aiutateci a migliorare.
Innanzitutto, vogliamo mantenere la promessa dei 500 titoli online prima che questo caldo torrido lasci il posto ai temporali di agosto. Continueremo a caricare titoli già da lunedì prossimo.
D'altra parte, il passaggio al digitale ...

Alla conquista di una nuova artigianalità del libro (digitale)

Qualche post fa vi abbiamo raccontato per immagini quanto riteniamo importanti i dettagli nella produzione di un libro digitale. La cura dedicata al testo nella sua resa grafica, oltre che nei contenuti, è l'aspetto che fa la differenza tra un'esperienza di lettura gradevole e fluida e una meno soddisfacente: questo non cambia nella lettura in digitale.

Ciò che cambia sono le aspettative sull'esperienza di lettura stessa, legate in larga parte al supporto su cui abbiamo scelto di leggere. Cosa ci aspettiamo dalla lettura di un ebook? Non certo quello che ci aspettiamo dalla carta. E per gli ...