Alberto Timossi. Accento in rosso

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Arte Spettacolo, Arte

  • Anno:

    2012

  • Dimensione del file:

    4,4 MB

  • Protetto con Adobe DRM
  • Lunghezza:

    50 pagine (edizione cartacea)

  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788849272956

pdf

€ 11,99
pdf
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Questo ebook è in formato pdf
Altri formati disponibili:
epub € 11,99

Quarta di copertina


Alberto Timossi ha concepito per Pomezia un intervento di forte impatto visivo, immaginando di far attraversare la Torre Civica da tubi di uso industriale di colore rosso, che vanno a formare una diagonale dinamica, sorprendente, vagamente ispirata alle forme futuriste. In questa occasione, la musica di Simone Pappalardo ha un rilievo fondamentale nel progetto di Timossi per Pomezia: essa, infatti, attraversa i tubi e si diffonde nella location dell'esposizione, coinvolgendo gli spettatori in un vero e proprio happening. Timossi ha già posto le sue sculture in luoghi prestigiosi e carichi di storia, a Roma è accaduto in piazza San Giovanni, all'Acquario Romano, allo Studio Crispolti di via Ripetta, all'ex Pastificio Cerere di San Lorenzo, creando sempre nuove combinazioni con i suoi tubi ora di colore neutro, ora colorati, ora isolati, ora appoggiati a basi e pannelli.Molto spesso questi interventi sono stati chiamati dall'autore "innesti" ma quello progettato per Pomezia appare piuttosto come un dardo dinamico, carico di energia, che attraversa la forma solo apparente arcaica della torre novecentesca, la quale, invece, si presta a meraviglia alla sua stessa temporanea mutazione, accogliendo l'intervento nelle sue alte finestre, proiettando l'ombra dei tubi sulla superficie resa cangiante e mutevole dalla tessitura dei mattoni di tufo che modulano in modo sempre diverso, nelle varie ore del giorno, la luce che illumina l'architettura di Concezio Petrucci. La città contemporanea accoglie ormai con naturalezza le opere d'arte odierne concepite con i materiali industriali, riciclati, di scarto, mutuati dall'elettronica o dalla produzione chimica, aprendosi al fascino "altro" del rude e del materico, suggerendo le basi per una nuova estetica metropolitana.

0 commenti a "Alberto Timossi. Accento in rosso"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!