Afritania

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Fantascienza e Fantasy, Fantascienza

  • Anno:

    2012

  • Dimensione del file:

    173,0 KB

  • Protetto con Social DRM
  • Lunghezza:

    10200 parole

  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788865860922

epub

€ 2,99
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


Torna il nostro eroe Garrasco, trent’anni dopo, a bordo di una nave colossale, una città di ferraglia: l’Afritania, con il suo carico di creature destinate al pozzo della città di Mecharatt. Sui ponti della nave vivono gli Esterni, prigionieri, uomini divorati dal Morbo che sottrae carne al corpo trasformandola in ottone. Dentro la nave, nell’oscurità rotta solo da sottili lame di luce, gli Interni. Sanno molte cose, su Mondonove, e Garrasco è assetato di conoscenza. Ma non è detto che sia in grado di affrontare tutto quello che verrà a sapere. C’è una guerra, di macchine contro macchine. L’insidia giace sotto le dune di sabbia, nel deserto infernale in cui si muove l’Afritania. Quando Garrasco viene sbalzato fuori dalla nave non può che assistere impotente all’ultima battaglia. Dalla sabbia emerge una “pulce bastarda”, che attacca e combatte fino all’ultimo bullone. L’ultimo atto della saga della ferraglia infernale. DARIO TONANI Autore di romanzi e racconti di fantascienza, ha vinto con le sue storie (alcune delle quali pubblicate all’estero) numerosi concorsi, tra i quali nel 1989 il Premio Tolkien, due volte il Premio Lovecraft (1994 e 1999) e tre il Premio Italia (1989, 1992 e 2000).

1 Commento a "Afritania"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!

  • @melamela, 01/02/2012 18:29

    C'è bisogno di un attimo di tempo, dopo il punto finale, per rimodellarsi e riprendere percezione delle proprie forme abituali. Come se questo racconto avesse avuto lo stesso effetto di un artiglio meccanico che ti prende lentamente come un rottame e ti direziona verso la bocca di una pressa che ti schiaccia e stritola, fino a comporre uno standard da altoforno. Sorprendente, ancora ed inesorabile Dario Tonani.