A Enea Finzi non sparano in fronte

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
epub

€ 6,99
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


«Non ho nulla da nascondere. Ho detto nulla. Se hai qualche dubbio, se credi che voglia ingannarti, sparo». Questa volta Orsenigo racconta in prima persona una storia che gli è stata raccontata da più narratori fedeli e infedeli in un luogo di Milano amato anche da chi ha il vizio dello scrivere: la Pasticceria Marchesi, in fondo a via Meravigli, di recente comperata da un couturier internazionale. Enea Finzi il superstite, lo scampato alle camere a gas, nato in famiglia ebraica da tempo “non osservante”, dopo aver vissuto gli orrori di Treblinka, tornato nel suo paese, invece di uccidersi gettandosi a capofitto in un precipizio urbano o extraurbano per allontanare da sé troppe, insopportabili immagini, si lascia docilmente plasmare dal nuovo stato delle cose e corre la sua banale avventura di smorto e quasi eccellente integrato nella società del dopoguerra. Sopravvive nel sopravvissuto il prodigio di due forme d’estasi solo in apparenza opposte, quella affiorante nei diari di antiche monache tedesche scrutati da Martin Buber, e quella innervata nel comportamento di Klaus, aguzzino nel Campo di sterminio, e del suo feroce cane d’assalto che l’hanno inspiegabilmente, e come in coppia, graziato. Vittorio Orsenigo, nato a Milano, è regista, scrittore, pittore, e studioso delle barriere coralline. Nell’immediato dopoguerra, su invito di Elio Vittorini, cura un ciclo di letture alla Casa della Cultura di via Filodrammatici e presentato testi teatrali di Isherwood, Brecht, Auden. Nel 1954 pubblica sulla rivista letteraria «Nucleo D», cui collaborano Cummings, Sereni, Gatto, il suo primo racconto lungo dal titolo La demenza di Giacomo. Nel 1991 espone opere concettuali a Milano, presentate in catalogo da Achille Bonito Oliva, e riprende a scrivere pubblicando La linea Gotica (racconti) presso Marietti. Suoi scritti sono ospitati sulle riviste letterarie «Resine» e «Nuova Prosa». Tra i molti romanzi e racconti ricordiamo Messaggi dal piccolo zoo, Settore editoriale, con prefazione di Giuseppe Pontiggia, Visite guidate, Lettere a Giuseppe Pontiggia, Tanti viaggi (assieme a Maurizio Cucchi e Giovanni Mariotti), e Cosa trovi nell’acqua. Del 2014 I pizzini di Amblar (aforismi).

0 commenti a "A Enea Finzi non sparano in fronte"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!