Il teppista. Trent'anni maledetti a Milano.

  • Categoria libro:

    Letteratura

  • Anno:

    2011

  • Dimensione del file:

    958,5 KB

  • Protetto con Social DRM
  • Lunghezza:

    156 pagine (edizione cartacea)

  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788890506260

epub

€ 4,99
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


Il romanzo di una Milano e un’Italia lontane dai luoghi comuni, anche da quelli sulla criminalità, raccontate attraverso l'incredibile vita di Nino Ciccarelli. Personaggio reale e dalle mille incarnazioni, alcune delle quali gli hanno regalato dodici anni di carcere. Una Milano e un'Italia poco conosciute, dove ambienti all‘apparenza lontanissimi sono in realtà collegati. Finanza, politica, spettacolo, calcio, criminalità più o meno organizzata, cultura: un mondo parallelo che per una serie di circostanze ha permesso a un ragazzo di Quarto Oggiaro di dare del tu a personaggi noti in tutto il pianeta. Il protagonista è un famoso ultrà dell'Inter, ma il calcio e ciò che gli gira intorno sono solo una piccola parte di una storia che racconta tre decenni senza senso. Chi è nato nella seconda metà dei Sessanta o nella prima dei Settanta potrà magari identificarsi in qualche personaggio, qualcuno dirà che questo è un libro generazionale. Ma di una generazione che non dà lezioni di vita. E nemmeno vuole ascoltarne. Sito ufficiale: www.ilteppista.com

1 Commento a "Il teppista. Trent'anni maledetti a Milano."

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!

  • @lukealbani, 30/01/2012 23:17

    Tre stelle perché Specchia poteva osare di più. Tanti buoni sprazzi nel raccontare una storia che è una rissa infinita… ma se il segreto per non prederle è che "bisogna saper restare lucidi anche quando fai a pugni" forse anche nel narrare questa vicenda servivà più lucidità :-) Tuttavia nei suoi limiti è un veloce schizzo a sanguigna di una Milano scomparsa, grazie per averla raccontata.