I Giocolieri delle Bolle di Sapone

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Turismo e guide

  • Anno:

    2016

  • Dimensione del file:

    5,2 MB

  • Protetto con Social DRM
  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788892592995

epub

Non disponibile

Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


I Giocolieri delle Bolle di Sapone racconta di lunghi viaggi che incominciano non appena si varca la soglia di casa. Descrive minuziosamente luoghi e incontri con folli personaggi da ogni angolo del mondo, non tralasciando l'aspetto più poetico e mistico che è rinchiuso in ogni momento. Non viene nascosto lo sconforto che alle volte può assalire, la disperazione dell’essere soli e la vittoria di aver portato a casa un'altra giornata. Il contesto culturale e storico dei popoli ospitanti è in primo piano, al fine di avere un quadro completo e contestualizzato di ogni situazione vissuta, in un paragone continuo delle moltitudini di diversità che, in fondo, ci accomunano. I Giocolieri delle Bolle di Sapone sono in mezzo a noi e sono esattamente come tutti noi. Né più, né meno. Conoscono il segreto dei turbini di sentimento insaponati, di gonfi desideri tuonanti. I Giocolieri si perdono, perché lo stare da soli è uno stato di grazia, bisogna avvicinarsi alle persone non prima che a se stessi. Un viaggio fisico e interiore che parte dalle Ande, in una piccola comunità di permacultura, alle porte del Parco Madidi, Bolivia. Tra i larghi e alti toborochi, sogno la beatitudine del legame con la natura. Mi fermo a pensare alla bellezza che mi circonda, all’equilibrio della perfezione. In questa comunità vivo per la prima volta un legame inscindibile con l’ambiente che mi circonda. Imparo a rispettare tutto ciò che vive attorno a me, le piante, la terra, gli insetti e gli animali più grandi. Capisco come la loro salute incida sulla mia. Il viaggio prosegue in Medio Oriente, partendo da Istanbul. Nel corso dei secoli, questa città ha affascinato e attratto a sé viaggiatori, imperatori e uomini di potere, viandanti, artisti, imprenditori e speculatori. Una corriera, lunga trentasei ore e millecinquecento chilometri, collega il Bosforo a Damasco e al Monastero Mar Musa al-Habashi. Davanti ad un orizzonte piatto e calmo, nessuno aveva il bisogno di urlare perché tutto era in pace, statico seppur vibrante con l’Universo attorno. L'Estremo Oriente invita all'accettazione di nuove sfide. Un incontro con i monaci del Myanmar, le fondamenta di una casa in terra cruda in Thailandia, un piccolo e isolato appezzamento di terreno in Cambogia. Dopo aver cacciato formiche, lucertole e topi, l'avventura continua spostandosi sempre più verso oriente, attraversando il Laos e pedalando duemila chilometri attraverso una Cina rurale e inaspettata. Infine, come tutti i viaggi, non può che terminare tra le mura di casa, in un'Italia randagia fatta di amicizie e urla d'ebbrezza, critica sociale, vivere etico. Nelle osterie dove non c’è un tavolo uguale all’altro e il vino è aspro e la bestemmia libera, tra i dialetti di casa mia, il marchio degli accenti, le parlate strette che cambiano di paese in paese, le parole inventate che sono più chiare di quelle del vocabolario, mi ricordo di quanto è bello parlare la propria lingua..

0 commenti a "I Giocolieri delle Bolle di Sapone"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!