Il peso di pianura

  • Novità Bookrepublic
Il peso di pianura - copertina
Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Letteratura, Poesia

  • Anno:

    2017

  • Dimensione del file:

    1,0 MB

  • Protezione DRM FREE
  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788893820509

epub

€ 0,99
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


La poesia de “Il peso di pianura” (Lietocolle, 2011) di Nadia Agustoni, si installa in quel senso di smisuratezza del paesaggio, e in quella mutevole consapevolezza del luogo tipica di una certa poesia di matrice sereniana, e in questa immaginaria “linea geografica” che contraddistingue molta della poesia lombarda. Così, partendo da questo spunto, prendono forma “i nomi dei luoghi” attraverso i propri più puri strati invisibili, e la pianura acquista forma, oltre i banchi di nebbia, che riguardano anche il pensiero, e lì, una volta attraversati, crescono attraversando questa gramigna semplice, questa radice di parole grigioverdi, di sfumature obbligate al contorno di una terra durevole e decisa nel suo spogliarsi di (e da) sé. In questa transizione terrena muta la corrente della Agustoni, si conforma alle proprie ibridazioni, e da queste rinasce per confondersi con gli elementi (rocce dinamitarde, fiumi eclettici, crepacci sublimi…). Ecco che la saggezza dell’aria e del mondo entra nei versi, quasi filtrando lo spavento della carne, quasi delimitandone il rischio di esserci per davvero, stando chiusi a riccio nel mantice della maturazione, nel bivio della crescita. La scrittura si fa lieve, quasi un velo a protezione delle cose, però allo stesso tempo colpisce la dura precisione delle scansioni, la marmorea parabola che racchiude l’intera opera in una marcescenza d’immagini volte a restaurare, chissà, la fertilità insita nell’essere, quando questo rientra nel suo ciclo mitico, e inizia a mietere la sua genesi consumandosi. E dalla negazione della privazione, dalla messa in onda di custodie ancora capaci di aprirsi, nasce questa poesia fertile e spontanea, gravida e in costante fermento, dove anche l’invettiva conversa con la pace di certi luoghi, come ad arrendersi al tumulto selvatico e rampicante della specie terrestre.

Antonio Bux

0 commenti a "Il peso di pianura"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!