Anatolij Ljiupanov

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Gialli e thriller, Horror e Gotica

  • Anno:

    9999

  • Dimensione del file:

    839,0 KB

  • Protezione DRM FREE
  • Lunghezza:

    542 pagine (edizione cartacea)

  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788897277354

epub

Non disponibile

Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


Anatolij Ljiupanov percorre il suo secolo, non come uomo comune, ma come spirito di un’epoca. L’opera, Anatolji Ljiupanov, in uno spirito che oscilla tra il gotico e il noir è stata strutturata volontariamente in due parti: da Parigi a Londra: la poesia della vita e Praga. Nel suo fuggire dalla Madre Patria, la vecchia Russia degli Zar, rimuove il suo passato di bambino nobile, fuggito per miracolo ad uno dei tanti saccheggi, che durante un’insurrezione aveva spinto il popolo a “nutrirsi” dei regnanti. Adolescente arriva a Parigi, ove per un caso fortuito, la notte di capodanno, incontra uno stanco poeta, Charles Baudelaire. Di lui diviene il mentore, iniziandolo al “terzo occhio del poeta”, l’Arthemisia Absinthium, l’assenzio. Lentamente inizia a porsi tutte le domande che mai prima la sua mente aveva partorito, viaggiando, attraverso il tragico percorso dei flash back, nel suo oscuro passato, di esso sentendo soltanto l’amaro grido di un bambino senza nome. Londra lo porta a incontrare la figura di Rabbi Shimon Loew, del suo strano cocchiere e compagno, Ezechiele sino alla follia e alla violenza, l’istinto di morte e di orrore scaveranno nella sua mente ancora troppo giovane una fossa cosi profonda, da permettergli di essere tutto ciò che la sua anima aveva voluto dimenticare, la violenza. scopre e ammira Praga e di essa, chi apparve essere la signora, Ester Anders, una femme fatale con il potere di un uomo, ma con il cuore fragile di un bambino. Ella lo avvicina alla multiculturalità di una delle capitali dell’Impero, permettendogli di incontrare un giovanissimo Nikola Tesla. È proprio, allora, che Anatolij smette di essere un ragazzo e diviene uomo, diviene ciò che è realmente, nella notte in cui la sua mente riflette il monologo ubriaco del Diavolo e dal solo vero e unico burattinaio, un uomo non è altro che ciò che gli mostra, gli occhi vuoti di una maschera veneziana.

0 commenti a "Anatolij Ljiupanov"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!