Le rivoluzioni vanno sempre storte

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Letteratura

  • Anno:

    2011

  • Dimensione del file:

    388,8 KB

  • Protetto con Social DRM
  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788897318019

epub

€ 3,90
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


“C'è una tenerezza, nella scrittura di Marrocu, c’è una malinconia, anche quando è comico, e spesso è comico, e la cosa strana è che questa tenerezza e questa malinconia io le trovo in tutte le cose che scrive, Marrocu, sia nei saggi storici, che nei romanzi, che nei metaromanzi come questo.” (Paolo Nori) Luciano Marrocu insegna storia contemporanea all’università di Cagliari, che è il posto dove vive. Ha scritto molti saggi storici (tra i quali Orwell. La solitudine di uno scrittore, 2009) e cinque romanzi che hanno come protagonisti i due poliziotti della Divisioni Affari Generali e Riservati Luciano Serra e Eupremio Carruezzo (l’ultimo è Farouk, 2011). Questo è il suo primo metaromanzo.

1 Commento a "Le rivoluzioni vanno sempre storte "

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!

  • @melamela, 01/06/2011 20:01

    Che tipo di reazione avreste se trovaste un libro molto serio, accademico e scritto da voi anni prima in una bancarella in mezzo ad altri due, il cui genere letterario è inequivocabile perchè i titoli sono: "Stai tra le mie cosce calde che ci stai bene" e "Acchiappami da dietro ma fallo di sorpresa"? E che tipo di reazione avreste se due dei vostri amici e colleghi fossero in realtà come i due ladroni di fianco alla croce, voi nel mezzo con la consapevolezza di possedere la verità ma chi alla fine avrà successo sarà quello che tra i due non si pente e in più smentirà ciò che sta scritto nel vostro libro molto serio? A queste ed altre domande esistenziali, professionali e affettive risponde con delicatezza ed ironia il "metaromanzo" di Marrocu che personalmente, però, mi sentirei di etichettare come un thriller senza morti ammazzati.