Facebook per romantiche

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
  • Categoria libro:

    Romanzi Rosa, Narrativa Rosa

  • Anno:

    2014

  • Dimensione del file:

    1,4 MB

  • Protetto con Social DRM
  • Lingua:

    ita

  • Isbn:

    9788897669999

epub

€ 2,99
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


«Siccome sono una che fa un sacco di cazzate, ho pensato di raccontarvele in queste pagine per evitarvi di rifarle, o perlomeno di contenere i danni. Le cazzate, per esempio, io le ho fatte su Facebook: incidenti diplomatici da ribaltare un Tir, amicizie secolari distrutte in un tag, ma anche notifiche che intasano la posta elettronica peggio di un procione caduto nel water e altre bannazioni. Per non parlare dell’amore. ♥ (Di cui invece vi parlerò moltissimo).Come se non bastasse, io sono una che non legge mai e poi mai le istruzioni. Anche se dovessi montare, chessò, un intero aliscafo, lo farei senza dare nemmeno una sbirciata al manuale di montaggio. Poi, se invece dell’aliscafo viene fuori uno schifo, pazienza. Il pericolo (e anche il ridicolo) è il mio mestiere.Eccovi quindi, dalla vostra Gina di fiducia (li avete letti, Cinquanta sbavature di Gigio e Cinquanta smagliature di Gina?) Facebook per romantiche, che è un po’ un romanzo e un po’ un manuale, insomma un indispensabile libretto di distruzioni per gli utenti di Facebook e/o dell’amore.»

2 commenti a "Facebook per romantiche"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!

  • @deniseleone, 04/10/2014 20:52

    Recensisco. Un libro per boookivore voraci e veraci, di quelli che a -25 pagg ti parlano come fossero le ultime due cucchiaiate di budino:"Rallenta, rallenta..!" L'autrice trasporta il lettore consenziente in un parco diverti-menti, dove la fragilità umana è celebrata col sorriso. Gli input esilaranti sono continui, certo serve un po' di volpezza (cit) per goderne. Il turpiloquio è elargito con criterio e conferisce colore ad un tessuto verbale per niente scontato. Un lavoro che si mostra semplice, ma che è l'evidente frutto d'un fitto "solve et coagula". Un apprezzabile flusso di coscienza da leggere in luoghi col via libera alla risata, per evitare sguaiataggini in pubblico.
  • @gpandoro, 13/02/2014 21:17

    :-D