Agricolae - Contadini

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
epub

Non disponibile

Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


Amore e morte sul Grande Dente - Rieti 1957. A volte l'incendio nasce da una fiamma esile e allora lotterai in ogni modo per difenderlo. In un villaggio dell’alto Lazio negli anni ’50, Alessio uccide Gianni, un compagno di giochi proibiti. Solo Graziano, con cui ha una relazione, può aiutarlo a sfuggire dalla vendetta dei compaesani decisi a farsi giustizia da sé. Alessio e Graziano affrontano così una montagna impervia, il Grande Dente, nella speranza di prendere il treno che passa a fondo valle, nell’altro versante, e raggiungere la capitale. Nei due giorni di marcia Alessio e Graziano saranno impegnati in un estenuante braccio di ferro dall’esito incerto con un branco di inseguitori implacabili. Un racconto dai ritmi serrati, denso di colpi di scena, dove ai protagonisti dichiarati si affiancano i frammenti di un’esistenza complessa e su tutti cala l’ombra di una volontà impalpabile e spettrale. Prefazione dell'editore Agricolae – Contadini è un romanzo ambientato negli anni cinquanta ma molti dei temi presentati possono essere considerati attuali. L’omofobia, la pesantezza di certi legami familiari, l’influenza di specifiche dinamiche sociali nei piccoli centri urbani, per citarne alcuni. Motivi che vengono presentati come contorno a quello che è e resta il motivo primo del romanzo, ossia l’amore. Secondo Dante Alighieri, chiunque si senta amato non può fare a meno di ricambiare e dunque chi viene eletto da qualcuno come fulcro dei propri sentimenti dovrà poi innamorarsi a sua volta. In Agricolae viene sviscerato un amore che nasce dopo un percorso comune su premesse prettamente sessuali e che lega i due protagonisti in fuga, Graziano e Alessio. Ma in Agricolae c’è anche la cronaca di un amore passionale, quello che nasce tra Graziano e Anna Tremi. Anna Tremi è un leitmotiv continuo nella mente di Graziano. Graziano sceglie (o sceglierebbe) Anna Tremi ed è scelto (o sarebbe scelto) da lei eppure, nonostante questa felice coincidenza, il rapporto viene limitato da una dialettica puramente interiore ed è destinato a naufragare. L’interesse basato su un feeling marcato viene espresso in modo forte ma frammentario, si lega prevalentemente al linguaggio del corpo risentendo della totale mancanza di comunicazione orale. A ogni segnale suscitato dal desiderio di manifestarsi all’altro, segue una negazione. Mancanza di conoscenza e dunque di confidenza diventano ostacoli insormontabili all’interno di una comunità dalle dimensioni ridotte. I dubbi e le perplessità originano tuttavia soprattutto dal profondo di Graziano e di Anna, prendono forma da pensieri che seguono una logica autonoma e percorsi propri. L’insicurezza e la paura di rendersi ridicoli prevale infine sul sentimento. Ecco che dall’altra parte della barricata di questa lotta serrata destinata al naufragio arriva l’opportunità di una soluzione comoda: Graziano è stanco, viene scelto e si lascia scegliere da Alessio. Un atto che ha il gusto di un compromesso con la solitudine e dove comunque la soddisfazione delle pulsioni sessuali fa da matrice prima e mantiene a lungo un ruolo prevalente. La capacità di esprimersi liberamente da parte di chi fa il primo passo mettendosi in gioco, permette dunque di iniziare una relazione che cresce grazie a un approfondimento reciproco. L’amore che si cementa trascende e si colloca su un piano diverso dove riuscire a sintonizzarsi sulla stessa lunghezza d’onda diventa essenziale. Il partner ideale o idealizzato è mancato ed è sostituito con uno che è adatto per varie ragioni, anche e soprattutto contingenti ma non per questo meno “valide”. Alessio usa Graziano e la frequentazione consente a Graziano di potersi confrontare con se stesso e di accettare l’idea che il compagno di vita perfetto non esiste ma che la felicità di coppia, tuttavia, può essere raggiunta con la reciproca compensazione emotiva e psicologica. Dunque Amor, ch’a nullo amato amar perdona… Fabio Pinton – Runa Editrice Padova, 19 settembre 2013

0 commenti a "Agricolae - Contadini"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!