Crowdfunding, nuove comunità economiche

Ricerca anteprima in corso...
Anteprima non disponibile
epub

€ 2,99
epub
Aggiungi al carrello
Puoi leggere questo ebook sui seguenti device:

Computer

E-Readers

iPhone/iPad

Androids

Kindle

Kobo

Trovi questo ebook solo nel formato epub

Quarta di copertina


- Come funziona il crowdfunding?- Cosa bisogna sapere prima di lanciare una campagna di crowdfunding?- Perché far parte della crowdfunding revolution? Crowdfunding, finanziamento popolare, nel mondo tutti ne parlano (aziende comprese) e tutti vorrebbero utilizzarlo come strumento per realizzare i propri progetti. Un fenomeno la cui onda lunga sta attivando processi di ristrutturazione, senza precedenti, nei rapporti e nelle identità stesse di produttore – distributore - utente.Dopo gli Stati Uniti di Barack Obama anche l’Italia sta rapidamente adeguando le sue regole in termini di equity based per non ostacolare questa spinta socio-tecnologica verso nuove comunità economiche. Una spinta dal basso che può trasformare la crisi in opportunità, proprio per i valori che porta con sè. Infatti il crowdfunding invita i progettisti, siano essi singoli, associazioni o startup, ad operare scelte trasparenti, coerenti ed etiche. L’autore attraverso la ricerca, una attenta una analisi del fenomeno nel mondo e in Italia e l’esperienza diretta di progettista affronta l’argomento in maniera concreta raccontandone il presente e le potenzialità. Dati alla mano, grazie all’esame dei casi più significativi ed interviste ai player di crowdfunding, vengono spiegate con semplicità le dinamiche del finanziamento popolare attraverso esempi sia main stream che a km 0. Particolare attenzione è rivolta ai contenuti etico-sociali di un fenomeno che da “Like” si candida come strumento trasversale a tutti i settori. [Autore]Alessandro Brunello, autore e regista, nel 1998 a ventidue anni entra nel Laboratorio Scaldasole di Milano, nel 2000 si diploma all’International Theatre School di Kuniaki Ida e partecipa a “Dimostrazione di mimo teatrale” performance ideata e diretta da Marcel Marceau a Siena. Nel 2001 scrive i monologhi comici Strade di Periferia e Potato Style. Seguono Zelig, Caffè Teatro, le trasmissioni televisive Rido Rai 1, Mtv Comedy Lab, Caffè Teatro Cabaret Rai2, Dammi il 5!, Dr Tube, Viv.it e radiofoniche Tutto esaurito Radio 105 e Venerdì night Live Radio Popolare. Collabora ai testi di diversi comici italiani e alcuni suoi aforismi sono pubblicati nelle raccolte comiche Anche le formiche nel loro piccolo s’incazzano 2002, Le formiche e le cicale 2004 e Le cicale 2010 di Gino&Michele.Dal 2006 al 2008 cura il contenitore pomeridiano di Telenova e i format quotidiani Tvtb Music e Tvtb Magazine, per i quali realizza servizi dal Brasile, Egitto, Australia, Sud Africa, Europa e Cina. Nell’ Adv ha diretto gli spot San Carlo Witch, San Carlo Wacko’s, San Carlo Junior, Hollywood - Milano, Artigiano in Fiera, Emozionarsi in Trentino, Trinity. Nel 2009 ha curato come regista programmista il Bianco&Nero appuntamento domenicale di sport invernali di RaiTrento. Nel 2010 è stato produttore esecutivo del Saturday Nigth Live di Italia 1. Nel 2012 ha curato per Bol.it le interviste di Giuseppe Culicchia, Giancarlo De Cataldo, Roberto Giacobbo, Licia Troisi. Ha scritto e realizzato i format tv Talent Factory, Chicchi di Riso ed Upgrade e curato i documentari Habana Bombing, Happy Hour, Music in Afganistan. Ha scritto le sceneggiature Mission fatible, La Lotteria, Guerra di Bande e con Silvia Paonessa, Community il Film. Da alcuni anni segue con attenzione le dinamiche del web e partecipa come relatore a workshop e conferenze su tematiche come il crowdfunding e le nuove comunità economiche.

8 commenti a "Crowdfunding, nuove comunità economiche"

Solo gli utenti registrati a Bookrepublic possono scrivere recensioni agli ebook.
Effettua il login o registrati!

  • @tinobalsamello, 17/05/2013 22:44

    Ho comprato anche il primo libro e ... trovo anche io che il linguaggio sia molto accessibile e il tutto molto piacevole...al di là dei temi molto interessanti.... quindi sia tecnicamente che "emotivamente" mi ha comunque trasmesso qualcosa... Spero con tutto il cuore che queste nuove prospettive diventino sempre più una realtà nel nostro Paese... e sarebbe fantastico per ogni cosa... non solo per finanziare start-up innovative... infine...sig. Venturoli... lo scriva anche lei un libro su queste tematiche...... lo comprerò e se mi trasmetterà qualcosa le farò i miei complimenti e trarrò spunto anche da lei... serve l'aiuto di tutti nel crowdfunding!!! :) Buona serata a tutti!
  • @mcloanbear, 17/05/2013 16:53

    È un libro interessante e ben scritto, complimenti, lo consiglio.
  • @pcravel, 17/05/2013 16:21

    Con un linguaggio molro accesibile, quindi coerente perchè "Crowd", l'autore approfondisce i temi del primo libro, analizzando con competenza accademica gli aspetti economici, giuridici e informatici del Crowd Founding. Con il suo stile personale e leggermente ironico, Brunello non appesantisce con la complessità del lingiaggio la complessità del tema. Il testo è scorrevole e la lettura molto piacevole. Faccio fatica a pensare che si tatti di un "copia e incolla", come ha scritto Venturoli, che per altro sostenendo come questo sia "l'unico libro trovato sull'argomento", lascia intuire una grande superficilità nella ricerca e quindi nel giudizio.
  • @nandotimodeo, 17/05/2013 14:48

    Ho comprato anche il primo libro di Brunello. Libro molto interessante che chiarisce molte cose sul crowdfunding e su come puó essere qualcosa di utile per questo paese disastrato, non mi stupisce che ci sia anche qualcuno che attacca a testa bassa il crowdfunding e chi lo divulga
  • @claudialongox72, 17/05/2013 14:30

    Seguo l'autore da un po di tempo e devo dire che trovo il suo lavoro davvero importante ed utile sia per chi come me per lavoro si occupa di crowdfunding e social landing, sia per chi invece si affaccia per la prima volta su questo mondo.
  • @alessandrobrunello76, 17/05/2013 12:12

    RISPOSTA: Sig. Roberto Venturoli, credo che se ci sia una cosa del tutto priva di valore sia la sua stizzita ed ingiusta recensione che non ha alcun fondamento. Sono sorpreso dalle sue parole dal momento che tutto quello che dice è falso e tendenzioso (sempre ammesso che Lei abbia letto il libro). Anche abbastanza grave da scriversi in calce ad un ebook appena messo on line. Mi trovo quindi nella noiosa situazione di doverla smentire punto per punto prima di informarmi presso il titolare di questo sito sulla sua reale identità in quanto mi sento danneggiato nell'immagine ed opererò di conseguenza. Ecco per punti 1) non ho mai usato il copia incolla, la legge sul Tax Credit l'ho inserita (una pagina) preceduta dalle parole "ecco la legge:" quindi proprio nn mi si può accusare di fare copia e incolla. è una citazione e per non capirlo bisogna essere in malafede. 2) il capitolo sul tax credit cinematografico è una intervista al responsabile dell'help desk Anica (se è vero che lei se ne occupa dovrebbe conoscerlo) 3) "L'analisi delle piattaforme italiane di crowdfunding" è stata compilata dalla prof. Ivana Pais dell'Università Cattolica di Milano, la quale mi ha invitato a partecipare come relatore (a parlare del libro) per ben due volte, presso la sua Università ed a Torino Crowdfunding il mese scorso. L'analisi a cui fa riferimento è una ricerca ed un censimento, quindi un lavoro molto diverso da "Crowdfunding, nuove comunità economiche". 4) La Consob al contrario di quello che Lei vaneggia, ha già pubblicato la normativa da qualche settimana, e il libro se ne occupa. 5) Ho scritto anche per comici e su altri argomenti, non trovo nulla di male nello studiare argomenti diversi, lei si? e perchè? 6) Si fidi, so bene di cosa sto parlando, sia in teoria che in pratica. Lei sicuramente, come per sua stessa ammissione invece no. (sempre ammesso che abbia letto l'ebook e che invece non sia uno dei soliti intermediari che attaccano alla cieca chiunque parli di disintermediazione). Detto questo la invito ad informarsi in rete sulla mia attività di relazione e studio sul crowdfunding e nuove comunità economiche e spero vivamente che i lettori vorranno smentirla, e che chi invece sta valutando se "buttare" o meno tre euro per questo libro si informi prima da altre fonti rispetto a questo sito dove, come ha fatto lei con pressapochismo e senza cognizione, chiunque per motivi ignoti può rovinare la storia di un Ebook. La lascio con una domanda: ma il libro che ha acquistato che titolo aveva?
  • @alessandrobrunello76, 17/05/2013 04:50

    9.1 - Tax Credit feat. Crowd system? Nel Web le sinergie sono basate sulla pratica e non sulla ideologia. Gli upgrade sono tanto veloci da espandere le possibilità di una cosa che funziona, fino a permetterle di cambiare la porzione del sistema in cui opera. L’ambiente, dal canto suo si adatta, quasi automaticamente, per essere più ricettivo e a sua volta funzionale a beneficiare del nuovo input. Il meccanismo è mutuabile. Anche nelle relazioni umane, ma mi fermo qui per non andare fuori tema. Per favorire la produzione cinematografica, esistono anche in Italia, (da pochi anni), alcune leggi finanziarie molto interessanti tra le quali spicca per potenzialità il Tax Credit, che mette in pratica la volontà di sperimentare nuove formule di finanziamento. I potenziali boosters dei progetti cinematografici di crowdfunding, fra i quali potrebbe figurare il Tax Credit o perché no, un suo derivato, ne aumenterebbero il dinamismo trasversale tra crowd system, player tradizionali e istituzioni culturali. I progetti potranno essere realizzati con più facilità, anche perché il vantaggio per le aziende che partecipano sarà in linea ad alcune prerogative istituzionali, come lo è ad esempio garantire, se non il fiorire, almeno la sopravvivenza della cultura.
  • @ucronista, 15/05/2013 11:43

    Sono interessato al fenomeno del crowdfunding e questo è l'unico libro che avevo trovato sull'argomento. È un'opera del tutto priva di valore che avrei potuto scrivere anch'io o chiunque altro (e meglio) utilizzando il "copia e incolla". Il capitolo dedicato al tax-credit cinematografico (settore di cui mi occupo) è, appunto, un "copia e incolla", un riempiivo scritto da qualcuno che è un semplice orecchiante dell'argomento e non sa di cosa sta effettivamente parlando. Ormai si trovano sul Web dossier molto più seri, significativi e gratuiti come "L'analisi delle piattaforme italiane di crowfunding" o i numerosi documenti e relazioni pubblicati sul sito della Consob, che sta approvando il primo regolamento italiano sul crowdfundind e di cui ovviamente il libro non si occupa. Alessandro Brunello sarà, forse, un autore di testi comici e di cabaret ma non dovrebbe occuparsi di economia. Tre euro buttati.