Intorno a Limonov


Limonov personaggio, Limonov autore, Carrère e le vite degli altri, Prilepin e la Russia di oggi.

Limonov

Limonov non è un personaggio inventato. Esiste davvero: «è stato teppista in Ucraina, idolo dell'underground sovietico, barbone e poi domestico di un miliardario a Manhattan, scrittore alla moda a Parigi, soldato sperduto nei Balcani; e adesso, nell'immenso bordello del dopo comunismo, vecchio capo carismatico di un partito di giovani desperados. Lui si vede come un eroe, ma lo si può considerare anche una carogna: io sospendo il giudizio» si legge nelle prime pagine di questo libro. E se Carrère ha deciso di scriverlo è perché ha pensato «che la sua vita romanzesca e spericolata raccontasse qualcosa, non solamente di lui, Limonov, non solamente della Russia, ma della storia di noi tutti dopo la fine della seconda guerra mondiale». La vita di Eduard Limonov, però, è innanzitutto un romanzo di avventure: al tempo stesso avvincente, nero, scandaloso, scapigliato, amaro, sorprendente, e irresistibile. Perché Carrère riesce a fare di lui un personaggio a volte commovente, a volte ripugnante – a volte perfino accattivante. Ma mai, assolutamente mai, mediocre. Che si trascini gonfio di alcol sui marciapiedi di New York dopo essere stato piantato dall'amatissima moglie o si lasci invischiare nei più grotteschi salotti parigini, che vada ad arruolarsi nelle milizie filoserbe o approfitti della reclusione in un campo di lavoro per temprare il «duro metallo di cui è fatta la sua anima», Limonov vive ciascuna di queste esperienze fino in fondo, senza mai chiudere gli occhi, con una temerarietà e una pervicacia che suscitano rispetto. Ed è senza mai chiudere gli occhi che Emmanuel Carrère attraversa questa esistenza oltraggiosa, e vi si immerge e vi si rispecchia come solo può fare chi, come lui, ha vissuto una vita che ha qualcosa di un «romanzo russo».

  • Formato: epub
€ 6,99

Protetto con Adobe DRM

Eduard Limonov
Eduard Limonov

Il personaggio


Eduard Limonov


Agitatore politico e artista ribelle, dissoluto libertino e feroce militante armato, Eduard Limonov (nome d’arte che evoca il suono della parola russa “granata”) è la più scomoda e inclassificabile figura di dissidente intellettuale nella Russia postcomunista.

Emmanuel Carrère
Emmanuel Carrère

L'Autore


Emmanuel Carrère


Diplomato all'Istituto di Studi Politici di Parigi. È il figlio di Louis Carrère e della sovietologa e accademica Hélène Carrère d'Encausse, e fratello di Nathalie Carrère e Marina Carrère d'Encausse. I suoi esordi sono stati nella critica cineatografica, per Positif e Télérama. Il suo primo libro, "Werner Herzog", è stato pubblicato nel 1982. Il suo esordio come romanziere risale al 1983: è "L'amico del giaguaro", pubblicato da Flammarion. Sceneggiatore e regista, nel 2005 ha tratto un film dal suo romanzo "Baffi".

Zachar Prilepin
Zachar Prilepin

L'Autore


Zachar Prilepin


Zachar Prilepin è nato nel 1975 a Nižnij Novgorod, Russia. Veterano della guerra in Cecenia (1996-1999), è giornalista, redattore della "Novaja gazeta" e membro della Drugaja Rossija (L'Altra Russia). È considerato uno dei migliori prosatori della Russia di oggi soprattutto per la lingua innovativa ed evocatrice, ha pubblicato romanzi e racconti.

Libro dell'acqua


«Lo si sarebbe potuto chiamare anche Libro del tempo. Infatti parla del tempo. Ma ho preferito l’acqua. L’acqua trasporta, cancella e non ci si può bagnare due volte nella stessa acqua.»

Eduard Limonov

€ 3,99

Vite che non sono la mia


«È un libro sulla vita e sulla morte, sulla povertà e sulla giustizia, sulla malattia e soprattutto sull'amore. È un libro in cui tutto è vero»

Emmanuel Carrère

Patologie


L’angelo è corso su di me, ha sbattuto contro il soffitto, ed è scomparso. A volare sono stati forse pezzetti di calce, o forse le sue piume bianche.

Zachar Prilepin

€ 7,99