Il teatro dei pensieri

di

Alberto Arato

Alberto Arato

Il teatro dei pensieri - Bookrepublic

Il teatro dei pensieri

di

Alberto Arato

Alberto Arato

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 3,49

Descrizione

L'Arte della Memoria era un'antichissima pratica che serviva a sviluppare meravigliosamente la memoria umana. Ma quando un'Accademia segreta di cultori della mnemotecnica incontra la vita di tre normalissimi ragazzi dei nostri giorni, gli eventi possono prendere una piega sinistra e inquietante. Soprattutto se di mezzo ci si mette uno dei misteri più appassionanti e irrisolti della storia: il Teatro della Memoria di Giulio Camillo. Secondo il suo costruttore, un famoso umanista dell'epoca, era un modello in legno, molto grande, a forma di semicerchio, che aveva il potere di conferire una grande memoria e una grande conoscenza a chiunque si fosse seduto nel suo centro. Il Doge di Venezia e il Re di Francia fecero a gara per possedere questo teatro. Ma durante i numerosi viaggi di Giulio Camillo tra Parigi e Venezia, questa costruzione misteriosa scomparve. Giulio Camillo morì a Milano nel 1544 sotto la protezione del Marchese del Vasto e della cerchia di nobili a lui fedeli. Il teatro non fu mai più visto ma nei secoli seguenti molti lo cercarono: sembrava impossibile che una tale meraviglia fosse stata distrutta. Invece ecco riaffiorare dall'oblio alcune tracce che conducono a una Villa cadente nei pressi di Milano: la posta in gioco è alta ma i pericoli da affrontare sono enormi e qualcuno senza scrupoli agisce nell'ombra.

Dettagli

Dimensioni del file

278,0 KB

Lingua

ita

Anno

2014

Isbn

9786050302837

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.