Questo Mondo Non Mi Appartiene

di

Massimo Trucco

Massimo Trucco

Questo Mondo Non Mi Appartiene - Bookrepublic

Questo Mondo Non Mi Appartiene

di

Massimo Trucco

Massimo Trucco

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

"Questo mondo non mi appartiene" nasce da uno stato di insoddisfazione nei confronti della società in cui viviamo, confermato quotidianamente dalla bassa qualità dei rapporti sociali: siamo in un mondo dove le persone – noi – hanno perso di vista il vero significato dell’esistenza, distante anni luce dalle potenzialità umane.
Perché? Affrontando materie che ci riguardano da vicino, come la psicologia, la sociologia, la pedagogia, la comunicazione, la politica, il testo cerca di rispondere a questa domanda – e a trovare una chiave per provare a modificare lo status quo – tramite una sorta di biografia
intellettuale di Vera True, una persona qualunque. Una mamma di quarant'anni, che denuncia il proprio malessere nei confronti della società del terzo millennio, generata da un progresso cieco; il quale, invece di sviluppare i valori necessari per migliorare l’esistenza dell’umanità, si identifica – semplificando – nel guadagno, nella ricchezza materiale. Contaminando inevitabilmente qualunque tipo di relazione, in qualsiasi contesto. Abbiamo costruito una società basata sull'inganno, sull'ipocrisia e sul malaffare. Mi riferisco all'Italia, ma in generale il discorso si può estendere al mondo globalizzato. Tutto ruota intorno al valore assoluto che assegniamo al denaro, per cui siamo disposti a fare “carte false” pur di impossessarcene. Tramite i soldi crediamo di poterci permettere ogni cosa, tutto; e in questo modo siamo sicuri di conquistare il benessere ed una vita soddisfacente.
Ma è davvero così? I soldi sono l’elemento più importante per l’autorealizzazione?
Vera è convinta di no e non si capacita del fatto che nessuno la pensi come lei. Il punto è che stiamo perdendo (abbiamo perso?) la capacità di riflettere, di confrontarci e condividere: sembriamo (siamo?) tutti ipnotizzati e crediamo di essere felici solo se soddisfiamo le nostre brame consumistiche e il nostro egocentrismo. Per questo, grazie soprattutto al contributo di autorevoli pensatori del passato, costruisce la sua opera con l’obiettivo di far conoscere il suo punto di vista: la qualità della vita deriva non certo, o non solo, dalla ricchezza.
È un invito alla riflessione, necessaria a dare vita ad un’idea propria, scelta liberamente e non imposta in maniera subdola. È un invito a considerare “l’altro” degno di attenzione, perché il nostro benessere dipende dalla qualità dei rapporti sociali. È un invito alla condivisione. E soprattutto è un invito a coltivare il gusto per la conoscenza, per la cultura, quindi per la lettura.
L’opera si rivolge a un pubblico che non sente propri le scelte e gli stili di vita della società odierna, ma anche e soprattutto alla maggioranza che li sposa, per persuaderli che si stanno sbagliando.
 

Dettagli

Dimensioni del file

1,2 MB

Lingua

ita

Anno

2017

Isbn

9788826016955

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.