L'inaudito e crudelissimo racconto della prigionia capracottese e della miracolosa liberazione

di

Francesco Mendozzi

Youcanprint

L'inaudito e crudelissimo racconto della prigionia capracottese e della miracolosa liberazione - Bookrepublic

L'inaudito e crudelissimo racconto della prigionia capracottese e della miracolosa liberazione

di

Francesco Mendozzi

Youcanprint

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 2,99

Descrizione

“L’inaudito e crudelissimo racconto della prigionia capracottese e della miracolosa liberazione” porta il lettore nell’Alto Molise sul finire del XVII sec.: la storia è quella di 41 pastori evangelici che, condannati per tradimento a Bratislava nel 1674, e dunque vessati, torturati ed incarcerati, vengono spediti a Napoli – scortati da militari germanici – per esser venduti, come schiavi, agli spagnoli che hanno bisogno di braccia per combattere in Sicilia contro i francesi. La compagnia dei 41 disgraziati e la colonna militare che li sorveglia partono in convoglio il 18 marzo 1675 dalle prigioni slovacco-ungheresi per raggiungere dapprima Trieste; qui vengono imbarcati per Pescara e da lì, a piedi, attraverso l’Appennino centrale, arrivare al porto di Napoli. La cittadina di Capracotta, che si trova tra Pescara e Napoli, rappresenta una tappa importante del loro viaggio poiché lì avviene la prima evasione, quella di Giorgio Lani, il 1° maggio 1675. Ad Isernia fuggono invece Giovanni Simonide e Tobia Masnizio i quali, compiendo a ritroso il tragitto, si ritrovano ancora a Capracotta dove il 4 maggio vengono arrestati dalle guardie cittadine e sbattuti in galera per sei settimane, fino alla loro liberazione, avvenuta il 13 giugno 1675.

Dettagli

Categorie

Saggistica, Storia

Dimensioni del file

30,3 MB

Lingua

ita

Anno

2018

Isbn

9788827817049

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.