Napoli nel XVII secolo I viceré spagnoli Tommaso Aniello

di

Giuseppe Saldamarco

Gruppo Albatros Il Filo

Napoli nel XVII secolo I viceré spagnoli Tommaso Aniello - Bookrepublic

Napoli nel XVII secolo I viceré spagnoli Tommaso Aniello

di

Giuseppe Saldamarco

Gruppo Albatros Il Filo

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 9,49

Descrizione

Il secolo XVII rappresenta per Napoli uno straordinario scenario di trasformazione urbanistica per l’incremento della densità abitativa, con persone provenienti non solo dalla periferia, ma da tutto il regno, creando differenti contesti sociali, facendola diventare per il numero degli abitanti e per la densità la seconda città al mondo. La città travagliata da elementi naturali, eruzioni, terremoti, malaria, colera, peste, carestie, guerre, ha dovuto e saputo affrontarli e superarli, dimostrando la grande capacità del suo popolo di sapersi adattare, ponendosi in modo costruttivo e creativo da tutti i punti di vista. Lo stesso Tommaso Aniello d’Amalfi (Napoli 1620-1647), conosciuto come Masaniello, è stato uno dei principali protagonisti della trasformazione e della rivolta napoletana avvenuta nel 1647 a causa della pressione fiscale imposta dal governo spagnolo. “La figura romanzata di Masaniello fu utilizzata in Europa come modello da seguire per eroismo e patriottismo, esempio di uomo che sapeva incantare ed ammaliare gli animi, spirito combattivo, condottiere audace, giudice imparziale, personaggio deciso e decisionale, trascinatore di folle, personaggio solare che sapeva amare ed essere amato, il vero capopopolo.” La ribellione a cui si mise a capo favorì l’indebolimento del dominio spagnolo su Napoli dando vita, poco dopo la sua morte, alla Real Repubblica Napoletana. Tali importanti eventi storici sono criticamente affrontati da Giuseppe Saldamarco con il supporto di una ricca documentazione, restituendoci non solo una dettagliata e curata ricostruzione delle figure, dei personaggi, dei viceré, ma anche il quadro del contesto storico, sociale e culturale nel XVII secolo della città di Napoli e delle vicende di tutto il vicereame.
 
Giuseppe Saldamarco è nato a Portici (NA) nel 1942 e risiede a Ercolano. Ha conseguito il diploma di licenza liceale classica presso il liceo convitto Landriani di Portici e poi ha frequentato il biennio della Facoltà di Medicina e Chirurgia presso l’Università Federico II di Napoli. Ha lavorato come impiegato presso il Ministero per i Beni Culturali con la qualifica di assistente archeologo, in servizio presso la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli e Caserta. Attualmente è in pensione, è coniugato ed è padre di due figlie. Ha pubblicato il libro Come leggere la busta paga edito dalla CISL – Beni Culturali.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

608,0 KB

Lingua

ita

Anno

2019

Isbn

9788830611931

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.