Satiricon - Bookrepublic

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 9,49

Descrizione

Con sagacia e audacia l’autore rilegge e ricostruisce il Satyricon attribuito a Petronio. “Tutti credono che il titolo di questo libro sia dovuto alla volontà di fare satira contro i nostri governanti, di Roma e di tutti quelli sparsi per l’impero. In realtà non è così. Non è da “satyra” che deriva il titolo (Satiricon dunque e non Satyricon), ma da “satureia”, un’erba aromatica che si usa in cucina per dare sapore ai cibi e da cui, insieme ad altre erbe, si ricava un infuso, il satirio, una bevanda stupenda che ti stravolge l’anima. Il suo titolo deriva da questo infuso meraviglioso che viene usato dappertutto nell’impero per consentire ai Romani di raggiungere la massima potenza sessuale, fare all’amore e poi abbandonarsi a dei sonni ristoratori durante i quali la mente viene consolata da un susseguirsi di immagini e sogni meravigliosi. Come si potrebbe fare la satira al felice impero di Nerone? Come si potrebbero prendere in giro i governi imperiali che si sono susseguiti fino ad oggi e che hanno fatto la fortuna di Roma e di tutte le città del mondo? Il satirio! Il satirio!”
 
Alessandro D’Alessandro laureatosi in lettere classiche nel 1970, ha insegnato e insegna latino e greco a studenti di liceo. Nulla di particolare da segnalare nella sua vita se non il fatto che, essendogli stata riservata un’esistenza più lunga di quanto si aspettasse, in vecchiaia si è fatto possedere dal demone della libido scribendi alla quale tutti ormai, grazie ai computer, si abbandonano senza preoccuparsi minimamente di imparare, prima, almeno un po’ di grammatica. Da più di sessant’anni vive a Roma, nel quartiere di San Lorenzo fuori le mura, che ama, l’una e l’altro, irreversibilmente, non solo per il loro grandioso passato ma anche nella bruttura attuale. Infine spera di poter pubblicare al più presto, per ovvie ragioni, la traduzione in versi, che ha già pronta, dei Carmina priapea, poesie licenziose in latino fino ad oggi censurate ma che ormai non scandalizzerebbero più neanche delle castigatissime novizie.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

3,2 MB

Lingua

ita

Anno

2019

Isbn

9788830612051

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.