La nascita del mito dell'eroe

di

Otto Rank

KKIEN Publ. Int.

La nascita del mito dell'eroe - Bookrepublic

La nascita del mito dell'eroe

di

Otto Rank

KKIEN Publ. Int.

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 1,99

Descrizione

Come nascono gli “eroi”
Questo testo è unanimemente considerato uno degli studi più profondi e completi sul tema della nascita del mito dell’eroe secondo un’interpretazione piscoanalitica. Presentando il metodo interpretativo adottato, Rank fonda la legittimità della psicoanalisi come strumento di indagine della mitologia assumendola quale "proiezione" del "Mondo Interno" dell'Uomo. Dopo aver passato in rassegna alcuni tra i principali miti a partire da Sargon per arrivare a Lohengrin, viene presentata la sua tesi che vede l’identificazione dell'Io del bambino con l'eroe del mito. "Ricordiamoci - scrive Rank - che il mito rivela normalmente il tentativo di emanciparsi dai genitori e che tale desiderio si risveglia anche nella fantasia del bambino nel periodo in cui cerca di conseguire la propria indipendenza ed autonomia. Nel fare ciò l'Io del bambino si comporta come l'eroe della leggenda: in effetti l'eroe si deve interpretare come un "Io" collettivo dotato delle più alte qualità".
Nella "rivolta contro il padre" Rank vede la giustificazione del mito della nascita dell'eroe: il mito sembra quindi fornire una soluzione culturale ad una contraddizione interna tra sentimenti antitetici di ostilità e di sfida, di tenerezza e di bisogno verso il padre.
Il testo è così uno dei saggi più importanti per comprendere i riferimenti simbolici e psciologici della mitologia.

L’autore: Nato in una famiglia ebrea modesta, Otto Rank (1884-1939) segue una formazione secondaria tecnica e lavora in un’officina di meccanica. Appassionato di letteratura, di teatro e di storia, scopre la psicoanalisi e conosce Freud. L'amicizia e la collaborazione tra i due uomini dureranno quasi vent'anni. Rank è aiutato finanziariamente da Freud durante i suoi studi di filosofia e di letteratura che termina nel 1912. Diventa segretario della Società psicoanalitica di Vienna. È a lui che dobbiamo i verbali preziosi delle riunioni del mercoledì.
La sua cultura prodigiosa orienterà le sue ricerche verso la psicoanalisi applicata all'arte, alla mitologia ed alle scienze umane.

Dettagli

Dimensioni del file

228,0 KB

Lingua

ita

Anno

2018

Isbn

9788833260266

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.