Il socialismo degli imbecilli

di

Michele Battini

Bollati Boringhieri

Il socialismo degli imbecilli - Bookrepublic

Il socialismo degli imbecilli

di

Michele Battini

Bollati Boringhieri

FORMATO

DISPONIBILE ANCHE IN

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 6,49

Descrizione

Il libro mette a fuoco una cesura determinante nella storia della tradizione antigiudaica europea: la rottura intervenuta dopo la prima emancipazione giuridica degli ebrei, in conseguenza della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino nel 1789. Con lo Stato liberale e l’economia di mercato, lo stereotipo dell’accusa di usura si trasforma in un tipo di anticapitalismo che fa degli ebrei i capri espiatori delle crisi economiche. Scrittori antilluministi, come Bonald, cattolici intransigenti, come Drumont, attaccano lo Stato di diritto e individuano negli ebrei coloro che hanno tratto vantaggio dall’avvento delle libertà moderne: gli antichi nemici della cristianità sono divenuti uguali agli altri e, irriconoscibili, possono ora camuffarsi nella società democratica e complottare per occupare il potere, grazie alla loro potenza finanziaria. Con Toussenel e Proudhon il paradigma si diffonde anche in alcuni settori del movimento operaio europeo e, negli ultimi decenni del XIX secolo, con la depressione economica, viene rilanciato con enorme fortuna, soprattutto in Francia.L’anticapitalismo antiebraico dilaga in Europa occidentale: a Vienna con i cristiano-sociali e in Germania con le leghe antisemite, e si manifesta all’inizio del Novecento pure in Italia: il sindacalista rivoluzionario Paolo Orano ne fa la piattaforma di un’alleanza nazionalista e rivoluzionaria contro il sistema liberale aprendo la pista allo stesso Mussolini. La vicenda del paradigma antiebraico illumina anche la preistoria dei Protocolli dei savi anziani di Sion, il falso sulla presunta cospirazione ebraica per la conquista del potere mondiale: i testi della propaganda fornirono materiali, figure, argomenti e linguaggio politico per la fabbricazione di quel documento, ma il mito del complotto ebraico costituì un evento reale, che manipolò per decenni la psicologia collettiva, cancellando la distinzione fra vero e falso. Analogamente, dopo lo sterminio, i negazionisti hanno rovesciato il rapporto fra realtà e irrealtà, negando fatti dimostrati da inequivocabili prove giudiziarie e storiche. Senza fabbricare falsi, hanno utilizzato artifici e metodi analoghi a quelli della propaganda antiebraica.Propaganda, falsificazione, negazione si rivelano così procedure esemplari della violazione del principio di realtà.

Dettagli

Dimensioni del file

1,9 MB

Lingua

ita

Anno

2010

Isbn

9788833980287

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.