Tesi:Edmenegarda di Giovanni Prati

di

maria teresa lombardo

Terryterry

Tesi:Edmenegarda di Giovanni Prati - Bookrepublic

Tesi:Edmenegarda di Giovanni Prati

di

maria teresa lombardo

Terryterry

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 20,99

Descrizione

L'opera che affermò il Prati come poeta importante lungo l'arco di tutto il nostro romanticismo è l' “Edmenegarda” (1841), per la novità dei caratteri ci troviamo di fronte all'opera più significativa del nostro romanticismo. Prati arrivò con il manoscritto dell' “Edmenegarda” pronto per le stampe e con l‟anima piena di speranze nel '41 a Milano. Il successo gli aprì improvvisamente tutti i salotti.AdChoices
PUBBLICITÀ
Se lo contesero Hayez, Cannella, 'Agresti con i più noti artisti della città, l'entusiasmo che suscitò fu clamoroso. In Italia si erano avuti pochi esempi di realismo ed erano rimasti senza seguito, come quello del Tommaseo il cui naturalismo è mescolato con elementi eterogenei e lontani dalla realtà del presente. Il realismo dell' “Orfano della Nunziata” è fradicio di un fosco romanticismo di pessimo gusto, il verismo del De Virgilii nella “Commedia del secolo” non è che uno dei tanti riflessi che vi si trovano del Faust che gli era modello. A tal proposito citerei “La fidanzata di Modena” del Vicino, che si può considerare come traduzione dell'immediata realtà, ma non influente dal punto di vista letterario perché c'è troppa labilità poetica. I giudizi dei critici non furono unanimi, accanto a coloro che elogiarono ed esaltarono l'opera del Prati, ce ne furono altri che trovarono l'opera poco significativa e non mancarono di esprimere apertamente il loro dissenso. Il poema dell' “Edmenegarda” fece battere improvvisamente migliaia di cuori afflitti. In questo pietoso racconto di un amore infelice fu ritrovata tanta verità di passione, tanta forza, tanta naturalezza di sentimento, tanta virtù che ogni individuo sensibile e triste si sentì idealmente coinvolto nelle vicende del personaggio principale. Il giovane Prati fu ammirato proprio perché sensibile e partecipe ai dolori della sua giovane eroina, il successo che ebbe fu clamoroso “il nome di Giovanni Prati errò tosto di labbro in labbro, dalla sala elegante, ove oziava la romantesca attediata signora, all'umile stanzuccia della innamorata e solerte operaia ”.
Scegli tu!


 

Dettagli

Dimensioni del file

27,9 MB

Lingua

ita

Anno

2019

Isbn

9788834173503

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.