Se la Grandine a Maggio

di

Rolando Rizzo

Rolando Rizzo

Se la Grandine a Maggio - Bookrepublic

Se la Grandine a Maggio

di

Rolando Rizzo

Rolando Rizzo

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 2,99

Descrizione

Il titolo del romanzo di Rolando Rizzo contiene già nella sua sinteticità il disegno essenziale dei suoi contenuti.

La vita nella sua bellezza somiglia talvolta a una distesa verde di grano maggese che promette una ricca raccolta d’estate, ma che basta la grandinata violenta di un’ora appena per stravolgerla in disperata desolazione.

Esistono due tipologie fondamentali di handicap: quello procurato dal narcisismo e dalla irresponsabilità e quello che appartiene alla lotteria dei cromosomi. Entrambi devastano spesso famiglie felici, o comunque li costringono a rimodulare l’intero percorso esistenziale con esiti talvolta eroici altre volte desolanti.

Nel romanzo di Rolando Rizzo, entrambi i due tipi di handicap piombano come folgori in una famiglia e in una comunità agiata e fortemente religiosa, abbattono comode maschere, luoghi comuni, apparenze esaltanti, per rivelare la vera materia di cui siamo fatti e le scelte di fondo con i quali ognuno deve fare prima o poi i conti quando “cade la grandine a Maggio”.

Il romanzo racconta di solidarietà e di tradimenti, di vite che si intrecciano, che si perdono, che si redimono, che inconciliabili tutte si riconciliano alcune a segnare nuove stagioni di libertà e d’amore.


Chi è l’autore

Rolando Rizzo nasce all’inizio del 1944 a Rossano calabro.

È generato e allevato da un padre analfabeta coltissimo, dolcissimo narratore autoritario e violento, malato, scopre quarantenne la Bibbia e l’adora, ma legge il Nuovo Testamento alla luce del vecchio, è deluso dall’umanità; e innamorato delle donne che stima se sottomesse.

Rolando Rizzo passa solo i primi sei anni con una madre talentuosa, femminista ante litteram, ribelle, indipendente che rifiuta senza se e senza ma ogni forma di sottomissione, di dominio e di violenza maschile per cui presto lascia il tetto coniugale, il paesello e suo figlio per eclissarsi nella città eterna.

L’adolescente Rolando vive sino ai quattordici anni con suo padre, poi è accolto a Firenze dall’Istituto Avventista nel quale sopravvive lavoricchiando da garzone agricolo e da lavapiatti sino ai ventun anni innamorato di calcio e di cinema. Divora Topolino e Tolstoj, Il piccolo Ranger e Malaparte, Il Guerin sportivo e soprattutto la Bibbia.

Scrive il suo primo pezzo sul giornale murale degli studenti di Villa Aurora, poi non smette più… Si diploma in Teologia nel 1972. È pastore avventista, animatore giovanile, conferenziere, autore di divulgazione teologica e di saggistica, divora romanzi. Nel 1990 ritorna come professore di Teologia Pratica nell’Istituto che lo aveva accolto nel 1958, e nel 2008 scrive il suo primo romanzo Il Mulino sul Colognati definito in un editoriale di “Leggere Tutti” dal suo direttore “Un insospettabile capolavoro”.

Seguono Il Viaggiatore, Il terzo treno, Cieli Tamarri, Il Nulla e l’Incanto, Il principino scomparso, Marmellata di prugne gialle, La viola e i gigli della campagna, Se la grandine a maggio. Quando l’handicap arriva dopo Dio.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

4,2 MB

Lingua

ita

Anno

2020

Isbn

9788835819417

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.