Il canto di Nina

di

Donato Lagonigro

Bertoni editore

Il canto di Nina - Bookrepublic

Il canto di Nina

di

Donato Lagonigro

Bertoni editore

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Il racconto si svolge nell’arco di circa tre mesi del 1864, a Italia ormai unita. Non è un romanzo storico (anche se fa continui riferimenti a fatti reali), perché i personaggi storici vengono del tutto reinventati e inseriti in un racconto corale in cui il maresciallo dei carabinieri si chiama Sergio Maria Celoduro di Valpellice, e Artaleggia rappresenta l’opposto di ciò che la storia ufficiale ci ha raccontato sui briganti. È piuttosto una favola che con la storia ingaggia un serrato duello sul terreno della memoria. L’intento non è di seguire la scia dei vari movimenti filo-borbonici o addirittura negazionisti, ma di costruire una controstoria popolare raccontata dalla parte dei perdenti con i loro eroi, eroine e leggende, attraverso la libertà che solo l’invenzione letteraria rende possibile. Come in tutte le favole ci sono i buoni e i cattivi: ai primi appartengono gli abitanti dell’Italia meridionale, conquistati e depredati di talenti e ricchezze attraverso il processo di unificazione italiana. Il fronte dei cattivi è rappresentato da personaggi sanguinari (il capitano della Guardia nazionale Beltrami su tutti). Altri invece, indottrinati dalla propaganda filounitaria, venuti a contatto con le popolazioni del luogo, cambiano atteggiamento e si mettono al servizio di un senso di giustizia superiore che poco ha a che vedere con le leggi del Regno. C’è poi un altro fronte buoni/cattivi assai più forte e di lunga durata: quello dei galantuomini (sfruttatori oziosi e nullafacenti) e dei cafoni (nella accezione di Ignazio Silone in “Fontamara”). Tra questi ultimi ci sono quelli che, stanchi di subire, si ribellano (i briganti) e personaggi dai destini e traiettorie diverse: c’è chi resta, chi muore, c’è chi si butta dalla “morgia” per non concedersi ai soldati e c’è chi emigra in terre più accoglienti: il Nord Italia o l’Argentina.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

346,0 KB

Lingua

ita

Anno

2020

Isbn

9788835824893

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.