Diario di una giovane maestra

di

Anna Vertua Gentile

Passerino

Diario di una giovane maestra - Bookrepublic

Diario di una giovane maestra

di

Anna Vertua Gentile

Passerino

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 0,99

Descrizione

No, che non è lieve cosa l’occupare per le prime volte il posto di maestra comunale, in un paesello ove si arriva nuovi!… Ci sono mille doveri da compiere, mille convenienze da osservare! Poi c’è da soddisfare alla curiosità di parecchi, quasi di tutti, che ti guardano, ti osservano, ti squadrano, cercano di leggerti l’anima in faccia, d’indovinare la tua vita passata, magari di pronosticarti l’avvenire!… E si è sole a fare tutto, ad affrontare tutto; sole, in due camerette annesse alla scuola. Io mi posso dire fortunata però; la mia scuola, quindi la mia casa, è sita a un cento passi del villaggio, su la strada maestra dai lunghi e folti filari d’ippocastani, che danno ombra e frescura. Le mie camerette guardano dalla parte opposta, in piena campagna, a poca distanza d’un castellaccio scuro, che sorge sopra una specie di poggio, e pare messo là apposta per immelanconire e quasi per minacciare. Il villaggio è ridente e ci sono parecchie famiglie signorili. Sono stata a far visita al sindaco, che, mi fu assicurato, in consiglio comunale, si accalorò per mio conto, scegliendomi fra le altre concorrenti per via della raccomandazione d’un suo amico di città, lo stesso amico mio che s’interessò tanto di me. Sono dunque stata a fargli visita e dopo una buona, cordiale accoglienza, in poche parole fui messa a parte dei pettegolezzi del paese.

Tratto da "Diario di una giovane maestra".

Anna Vertua Gentile, nata a Dongo il 30 maggio 1845, incominciò a scrivere nel 1868. Il suo primo lavoro conosciuto, firmato come Annetta Vertua, è Letture educative per fanciulle. Sposò Iginio Gentile, docente di Storia antica dell'Università di Pavia; dopo la nascita del figlio Marco Tullio, tra il 1874 e il 1893 (anno della morte del marito), scrisse una serie di racconti e opere teatrali brevi per bambini che venivano recitate nei salotti di casa o interpretate con burattini.
Divenuta scrittrice di professione dopo la morte del marito (seguita, nel 1912, da quella del figlio) ebbe una produzione feconda: fino al 1901 pubblicò oltre 150 titoli tra romanzi, soprattutto d'amore, novelle, scritti educativi e manuali di condotta quali Come devo comportarmi, L'arte di farsi amare dal marito, Per la mamma educatrice. Una delle sue opere, il Romanzo d'una signorina per bene è dedicato alla sorella Antonietta Vertua.
Morì presso l'Istituto Santa Savina a Lodi, dove si ritirò nel 1923.
Sulla facciata esterna dell'edificio, in via De Lemene, è stata affissa una targa:
«In questa casa trovò negli ultimi suoi anni asilo - conforto - pace Anna Vertua Gentile, scrittrice insigne che volle fine supremo dell'arte sua il trionfo della bontà, il trionfo della gioventù. Nata a Dongo 1846 morta a Lodi addì 23 11 1926»

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

773,0 KB

Lingua

ita

Anno

2020

Isbn

9788835879060

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.