Logica dell’aggiunta

di

Enrico Guglielminetti

Ugo Mursia Editore

Logica dell’aggiunta - Bookrepublic

Logica dell’aggiunta

di

Enrico Guglielminetti

Ugo Mursia Editore

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 9,99

Descrizione

Spesso diffidiamo dell’aggiunta, sospettandola di essere irrilevante (un di più), se non addirittura di costituire una minaccia (aggiunta come escrescenza, eccedenza, intruso). L’aggiunta non rappresenta però solo un pericolo: è anche ciò che salva (un ospite inatteso, una sorpresa, un dono).
Quando la vita ci mette davanti a un muro, ci guardiamo intorno ansiosamente alla ricerca di aiuto, di un’aggiunta che emendi il mondo dal suo orrore. L’aggiunta costituisce, in questo senso, quel principio di ampliamento interno, che impedisce lo schiacciamento della realtà (in latino: realitas) sulla semplice cosa (in latino: res).
Come principio di fuga – ma fuga sul posto – essa è l’ἀρχή, il principio primo (analitico e sintetico a un tempo) della realtà. Dio per primo è aggiunta, cioè in-finito, ossia quel finito, capace di contenere più di se stesso. Dove c’è aggiunta, la saturazione è sconfitta, e torna a essere possibile quella distribuzione, che prima appariva bloccata per mancanza di risorse.
Ma allora come giustificare quel primo significato negativo di aggiunta? Compito di una logica dell’aggiunta è spiegare come avvenga il passaggio tra le regioni opposte della disperazione e della felicità, o tra due accezioni dell’in-finito: ciò che nega vs ciò che amplia il finito.

Enrico Guglielminetti (Torino 1963) è ordinario di filosofia teoretica presso l’Università di Torino. Tra le sue pubblicazioni: Troppo. Saggio filosofico, teologico, politico, Milano 2015; Walter Benjamin. Tempo, Ripetizione, Equivocità, Milano 20152; La commozione del Bene. Una teoria dell’aggiungere, Milano 2011; “Due” di filosofia, Milano 2007; Il mondo in eccesso. Scambio dei toni in Hölderlin e Novalis, Milano 2004; Metamorfosi nell’immobilità, Milano 2001; L’altro assoluto. Oscurità e trasparenza dell’individuo nel giovane Schelling, Milano 1996.

Dettagli

Dimensioni del file

263,0 KB

Lingua

ita

Anno

2020

Isbn

9788842562535

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.