“Una inalienabile e indistruttibile qualità umana”. Clonazione e ingegneria genetica nella riflessione di Jean Baudrillard e Jürgen Habermas

di

Dario Altobelli

Gangemi Editore

“Una inalienabile e indistruttibile qualità umana”. Clonazione e ingegneria genetica nella riflessione di Jean Baudrillard e Jürgen Habermas - Bookrepublic

“Una inalienabile e indistruttibile qualità umana”. Clonazione e ingegneria genetica nella riflessione di Jean Baudrillard e Jürgen Habermas

di

Dario Altobelli

Gangemi Editore

FORMATO

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Nel mondo contemporaneo sono di grande importanza alcune espressioni dell'immaginazione utopica nel campo dell'ingegneria genetica e delle tecniche di clonazione. Il tema è antico e risale alla città del sole (1602) di Tommaso Campanella per arrivare a J.B.S. Haldane o Aldous Huxley e altri. La sociologia è stata messa in discussione e continua a mettere in discussione le questioni sollevate da queste tecniche negli orizzonti sociali e legali e sulle nozioni della persona che presumono o mettono in discussione. Da questo punto di vista, è interessante confrontare due sociologi contemporanei che hanno espresso un ampio dibattito su questi temi: da un lato Jean Baudrillard con La soluzione finale: Clonazione oltre l'umano e inumano (2000), dall'altro Jürgen Habermas con The Future of Human Nature (2003). La considerazione di due sociologi, molto diversi e distanti, può rivelare elementi di un certo interesse e di una vicinanza inaspettata se ci concentriamo su tre aspetti. Primo, l'utopia è lo sfondo comune delle riflessioni. In Baudrillard il riferimento è presente come contesto problematico generale, mentre in Habermas viene indirettamente evocato con il riferimento a "chimere" e "immagini mitiche" e l'attribuzione di "esperimento mentale" alla sua scrittura. In secondo luogo, la riflessione riguarda lo status della "persona": in Habermas ciò avviene facendo riferimento al principio di responsabilità degli studi sul corpo di Hans Jonas e Helmuth Plessner; in Baudrillard, tuttavia, ciò avviene in modo obliquo, all'interno di una sociologia critica che si muove attorno al tema della fine o alla scomparsa del Soggetto. Infine, entrambi si confrontano con la questione della tecnica e arrivano, in modi diversi, a una posizione simile che offre una risposta alla domanda di Max Weber sulla necessità di "dominare la vita con la tecnica (...) e che in definitiva ha senso ”.

Dettagli

Dimensioni del file

542,7 KB

Lingua

ita

Anno

2018

Isbn

9788849249811

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.