I trattati equestri e i frammenti di Simone

di

Antonio Sestili

Società Editrice Dante alighieri

I trattati equestri e i frammenti di Simone - Bookrepublic

I trattati equestri e i frammenti di Simone

di

Antonio Sestili

Società Editrice Dante alighieri

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 3,99

Descrizione

Ho ritenuto cosa utile e gradita proporre insieme, nello stesso libro, il trattato Sull’equitazione e Il comandante di cavalleria (o Ipparchico) di Senofonte. Senofonte commette certamente errori, talvolta anche gravi, specialmente nella descrizione di parti anatomiche e aspetti fisiologici del cavallo, dovuti alle limitate e incerte conoscenze scientifiche del tempo e ad una probabile insufficienza lessicale del vocabolario tecnico della lingua greca. Ma le osservazioni e le indicazioni di natura tecnica, legate alla sua quotidiana e intensa esperienza personale di cavaliere e uomo di cavalli, conservano intatta la loro validità. Esse dunque possono costituire ancora oggi uno strumento di conoscenza per chi ignora tutto del mondo del cavallo e dell’equitazione, ma anche un termine di confronto per chi sa o, come capita più di frequente, crede di sapere tutto del cavallo e dell’equitazione: per gli uni e per gli altri, i trattati equestri di Senofonte possono rappresentare materia di riflessione e stimolo ad approfondire ulteriormente e utilmente una realtà che può essere considerata settoriale e quindi, per molti versi, secondaria e degna di poca considerazione, ma tuttavia, al di là degli aspetti squisitamente tecnici, essi permettono di gettare uno sguardo curioso su alcuni momenti concreti della vita politica, civile e militare dell’uomo greco …quotidiano, all'interno di una organizzazione sociale fondamentalmente aristocratica e nobiliare come era quella della Grecia del V e IV secolo a.C. Questo mio lavoro intende contribuire a una migliore conoscenza dell’equitazione praticata dai Greci del periodo classico. Il testo greco riprodotto per il trattato Sull’equitazione è quello di É. Delebecque, Xénophon. De l’art équestre, Paris 1978 (20023); per l’Ipparchico quello di É. Delebecque, Xénophon. Le commandant de la cavalerie, Paris 1973 (20032). Per la traduzione del trattato Sull’equitazione mi sono servito utilmente dei seguenti libri: Delebecque 1978; J.K. Anderson, Ancient Greek Horsemanship, Berkeley and Los Angeles 1961, 155-80; S. Salomone, Senofonte.Trattato d’ippica, Milano 1980 (con tutte le riserve che via via saranno segnalate); E.C. Marchant, Xenophon. Scripta minora, London- Cambridge (Mass.) 1925 (1968); K. Widdra, Xenophon. Reitkunst, Berlin 1965. Per la traduzione dell’Ipparchico ho utilizzato: Marchant 1925; Delebecque 1973; R. Waterfield-P. Cartledge, Xenophon. Hiero the Tyrant and Other Treatises, London - Cambridge (Mass.) 1997;C. Petrocelli, Senofonte.Ipparchico.Manuale per il comandante di cavalleria, Bari 2001 (ferma restando la presa di distanza relativa alla scelta formale e stilistica della sua traduzione).

Dettagli

Dimensioni del file

6,7 MB

Lingua

ita

Anno

2012

Isbn

9788853440150

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.