Sequestro malvagio

di

Antonino Crisafi

Kimerik

Sequestro malvagio - Bookrepublic

Sequestro malvagio

di

Antonino Crisafi

Kimerik

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Italia del Secondo dopoguerra: sono gli anni del miracolo economico del “mitico Nord Est” caratterizzato per lo più da attività manifatturiere, piccole e medie imprese la cui crescita fu dovuta allo spirito d’iniziativa e alla creatività dei giovani, che all’epoca abbandonarono in massa il lavoro dei campi per dedicarsi con entusiasmo ad attività meno faticose e ben più redditizie. Ma il risvolto della medaglia era dietro l’angolo: la grande ricchezza attirò le attività criminose e tra gli anni ’70 e ’80 il Veneto, in particolare, fu scosso da una lunga scia di sequestri di persona a scopo di estorsione. Alcuni si risolsero positivamente, grazie soprattutto all’indefessa attività investigativa svolta dai carabinieri, altri, purtroppo, rimasero irrisolti o ebbero esiti tragici; tutti, inevitabilmente, lasciarono profondi strascichi di dolore nelle famiglie dei sequestrati e nei sopravvissuti.
All’interno di questa cornice storica, con grande verosimiglianza l’autore racconta la storia familiare di Evaristo Dal Col, giovane artigiano di Valdobbiadene nel trevigiano, figlio di umili contadini, che a metà degli anni ’60 avviò con successo un calzaturificio di lusso. Ma la vita è una parabola e una volta raggiunti l’apice del benessere economico e la serenità familiare, ecco che il sequestro del figlio ne scompagina i piani aprendo una spirale di sofferenze…  
 

Dettagli

Dimensioni del file

976,0 KB

Lingua

ita

Anno

2020

Isbn

9788855162418

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.