Chi ha ucciso Vincent van Gogh?

di

Pierre Cabanne

Skira

Chi ha ucciso Vincent van Gogh? - Bookrepublic

Chi ha ucciso Vincent van Gogh?

di

Pierre Cabanne

Skira

FORMATO

DISPONIBILE ANCHE IN

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

“… azzardai: ‘Perché Van Gogh si è ucciso?’ Il signor Gachet si raddrizzò di scatto con gli occhi che lanciavano dardi; terrorizzato, temetti che stesse per balzare dal letto e buttarmi fuori di casa, ma ricadde supino e non disse più nulla. Quel giorno ebbi la sensazione che quell’uomo misterioso nascondesse qualcosa, un altro mistero che nessuno, forse, avrebbe mai scoperto… Per anni, non ho mai smesso di pensare alla strana reazione del vecchio signore. E al silenzio che seguì.” Il 27 luglio 1890, in un campo nei pressi di Auvers, Van Gogh si spara un colpo di pistola, che però non lede alcun organo vitale, tant’è vero che egli riesce a trascinarsi a piedi fino alla locanda dove alloggia. Il dottor Gachet, amico degli artisti e suo protettore, non tenta di estrarre la pallottola, e anziché far trasportare il paziente all’ospedale lo lascia morire. Secondo Pierre Cabanne, il dottor Gachet sarebbe quindi il vero responsabile della morte di Van Gogh. Attraverso la minuziosa analisi delle spesso contraddittorie testimonianze raccolte all’epoca della tragedia, Cabanne avanza la sua provocatoria tesi, rafforzata anche da uno strano incontro avuto con il figlio di Gachet, Paul, che si era avvicendato con il padre al capezzale del ferito.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

614,4 KB

Lingua

ita

Anno

2013

Isbn

9788857221656

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.