La morte di Balzac

di

Octave Mirbeau

Skira

La morte di Balzac - Bookrepublic

La morte di Balzac

di

Octave Mirbeau

Skira

FORMATO

DISPONIBILE ANCHE IN

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Le ultime, drammatiche ore della vita di Balzac vengono qui raccontate sulla base della testimonianza di un pittore da quattro soldi, tale Jean Gigoux, che “fu intimamente coinvolto nella vita di Madame Hanska, tanto quanto lo era stato Balzac”. Questo racconto, il cui “colpo di scena” finale nemmeno l’autore della Comédie humaine avrebbe forse potuto concepire con la sua vivida immaginazione, ripercorre gli anni tardivi del grande artista: i rapporti altalenanti con Madame Hanska, il loro matrimonio, la terribile agonia che precedette la morte di Balzac e l’incredibile solitudine alla quale venne abbandonato. Censurato per la sua natura scandalosa nel 1907, al momento di andare in stampa, lo scritto di Octave Mirbeau fu riscoperto solo nel 1989, ed è qui presentato per la prima volta in traduzione italiana. Octave Mirbeau (1848-1917) è stato uno scrittore, drammaturgo e giornalista francese. Noto per il suo impegno politico (si accollò le spese del processo a carico di Émile Zola per il suo J’accuse in difesa di Alfred Dreyfus), scrisse diversi romanzi in cui denunciava il falso perbenismo della borghesia francese. Tra i titoli più noti e “scandalosi” ricordiamo Il giardino dei supplizi del 1899 e Il diario di una cameriera del 1900, che conobbero un enorme successo e furono tradotti in oltre trenta lingue.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

3,1 MB

Lingua

ita

Anno

2014

Isbn

9788857227412

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.