“Poesie” - Bookrepublic

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Perché scrivere poesie, e per chi? È un impulso, qualcosa che preme da dentro e che chiede con forza di emergere. È come il bisogno di correre, di cantare, di liberare energie emotive e mentali. È far galoppare lo stallone che ognuno di noi porta dentro di sé. Aiuta a vivere, a meglio conoscere se stessi; ad alleggerirsi di tanta materia che circonda le nostre vite, a fare i conti con la propria coscienza, col proprio passato. È la sfida a far parlare la natura, le cose mute, morte; vedere ciò che non si vede, sentire ciò che non si sente. Allora, perché scrivere e pubblicare? Montale, a tale proposito, in un suo libro sulla comunicazione, diceva pressappoco che il problema in Italia è l’assenza di una vera classe media istruita, e che egli si sarebbe ritenuto soddisfatto se con la sua poesia avesse potuto contribuire a creare un’atmosfera di cordialità. Niente di nuovo: si canta l’amore, la solitudine, il destino, la nostalgia, il passato, il presente, il futuro; la Mente, la natura, i sogni, i ricordi, in una parola, la vita. Ecco i temi di questa raccolta, scolpita con le parole, come lo scultore scolpisce, la sua poesia, con il marmo. E come la scultura, se ben riuscita, sembra che ti parli, così, parimenti, la pagina e le parole che la compongono vibrano di vita propria. È dura fatica scolpire, ma anche un gioco appassionante. Dall’informe, lavorando con applicazione, si perviene alla forma, poi, ad opera finita, si lima, si ripulisce. È entusiasmante giocare con le parole, perdersi nel loro labirinto, inseguire rime e assonanze: questa è la poesia. Non solo: spesso procura anche momenti d’intensi tormenti. A chi è destinata la poesia? Ai giovani, in particolare, per stimolarli all’amore per la poesia, per il silenzio -soprattutto in questa epoca tumultuosa di rumori e cellulari-, e alla contemplazione. Nel nostro paese, si sa, si legge poco (illuminante e ironica al riguardo, la battuta, da “L’Espresso”: “In Italia si legge solo per legittima difesa, quando arrivano le bollette delle tasse”), e pochissimo la poesia.

Dettagli

Dimensioni del file

157,0 KB

Lingua

ita

Anno

2015

Isbn

9788859131199

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.