La follia che incarna il paradosso

di

Nicola Lovecchio

Aletti editore

La follia che incarna il paradosso - Bookrepublic

La follia che incarna il paradosso

di

Nicola Lovecchio

Aletti editore

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Si può fare poesia dopo Aushwitz? In queste pagine si apre la sfida alla sentenza emessa da Th. W. Adorno nel 1966: “Dopo Auschwitz, nessuna poesia, nessuna forma d'arte, nessuna affermazione creatrice è più possibile. Il rapporto delle cose non può stabilirsi che in un terreno vago, in una specie di no man's land filosofica” (Dialettica negativa, Einaudi, Torino 2004, p. 326). È una sfida posta dall’Essere del mondo che, essendo storico, ci interpella e ci rapporta con il rivivere del passato. L’uomo è al centro di questo serpente che si morde la coda: il tempo; allora, non può che riportare nel presente ciò che è stato e raccontarlo. Come si può rendere dicibile l’olocausto? Ci prova l’autore di queste poesie, Nicola Lovecchio, giovane filosofo appassionato dell’indicibile, a dire ciò che non si potrebbe dire non avendo potuto vedere, secondo il divieto adorniano. Come? Dando voce ai morti, facendo parlare i “toccati” dall’olocausto. Rispondendo all’appello dell’essere che ci richiama alla voce dei defunti o ci fa ascoltare quella dei sopravvissuti, mediando con l’immaginazione i vissuti, in modo tale da completare la narrazione di un’esperienza di cui abbiamo bisogno, giacché ne sentiamo il vuoto, per la nostra empatia o per leggere la nostra storia di esseri umani. L’autore vuole fare uno sforzo in più del “linguaggio spezzato” di Paul Celan, evitando così di aggirare l’olocausto con un “non detto” che può angosciarci sul futuro del mondo, ma colpendolo in pieno, rivivendolo, creandoci delle storie, per poi voltare pagina. Si cerca di costruire un compendio storico-poetico dell’olocausto, il quale si snoda attraverso i concetti filosofici del tempo, del rapporto io-altro e il problema della fede che si rischiara nell’ultima poesia “Il sogno di un prete”, premiata tra l’altro come rappresentativa della collana poetica del libro “Premio Internazionale Salvatore Quasimodo”.

Dettagli

Dimensioni del file

139,0 KB

Lingua

ita

Anno

2017

Isbn

9788859143000

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.