L'evoluzione di Bruno Littlemore

di

Benjamin Hale

Ponte alle Grazie

L'evoluzione di Bruno Littlemore - Bookrepublic

L'evoluzione di Bruno Littlemore

di

Benjamin Hale

Ponte alle Grazie

FORMATO

DISPONIBILE ANCHE IN

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 14,99

Descrizione

Bruno Littlemore, detenuto per omicidio, decide di dettare le proprie memorie per ammonire e dilettare i posteri. Si capisce subito che è un individuo bizzarro e narciso, un pittore di una certa fama e un attore shakespeariano dilettante, con un'impressionante padronanza linguistica, qualche goffaggine e una buona dose di ironia. E si capisce che la sua vicenda è stata segnata dall'amore per una donna, Lydia, che lo ha accudito in momenti difficili, una donna con cui ha condiviso un raro tragitto, oramai tragicamente concluso. Quel che si capisce più tardi è che Bruno è - o dovremmo dire è stato? - una scimmia. Proprio così, uno scimpanzé d'intelligenza umana, uno scimpanzé che si è fatto uomo, si è innamorato a prima vista della zoologa che ne aveva scoperto l'eccezionale talento e ne è stato riamato, ha scoperto l'arte e la musica, il teatro e la letteratura, ha viaggiato per l'America con la sua compagna, si è sottoposto a chirurgia per attenuare le sue fattezze, ha vissuto nella sua esistenza unica una forma abbreviata d'evoluzione - e tuttavia gli sarà sempre impossibile essere uomo, come oramai tornare ad esser scimmia. Il libro che state per leggere è il memoriale più inventivo, comico e commovente della recente letteratura; è un romanzo d'amore - Lydia e Bruno sono protagonisti di un amore umanissimo, che travalica felicemente ogni limite -, un romanzo picaresco e filosofico, è il primo romanzo di formazione del genere umano, scritto con originalissima verve. E leggerlo è un'esperienza da fare: chi legge evolve col protagonista e con lui vive la filogenesi, se mai possibile, riscoprendo con incontaminata sorpresa il linguaggio, l'amore, il sesso, l'arte, la giustizia, il crimine, il dolore, la morte. La voce estranea e vicinissima di Bruno - già paragonata dalla critica allo Humbert Humbert di Nabokov, all'Augie March di Saul Bellow e all'Oskar Matzerath di Günter Grass - ci racconta non semplicemente che cosa significa, ma come ci si sente, che cosa si prova a diventare donne e uomini: la meraviglia, l'ironia e il terrore di essere quel che noi siamo.

Dettagli

Dimensioni del file

1,9 MB

Lingua

ita

Anno

2011

Isbn

9788862204316

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.