Scrivere lettere nel Cinquecento - Bookrepublic

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 29,99

Descrizione

Il Cinquecento è un periodo particolarmente importante nella lunga e articolata storia della scrittura epistolare: l’apparizione del libro a stampa permette infatti alle lettere in volgare di divenire libri e così di interloquire con la tradizione dell’epistolografia latina, anche umanista. Al progressivo attestarsi del genere editoriale, al suo vario articolarsi in esperienze anche molto diverse a firma di scrittrici e scrittori del Rinascimento sono dedicati i contributi di questo volume, che riattraversano la dimensione artistica ed editoriale di Aretino e Bembo, di Maria Savorgnan, Veronica Gambara, Vittoria Colonna e Tullia d’Aragona; e quella di personalità come Ariosto, Mario Equicola, Francesco Maria Molza e Cesare Rao, fino ad arrivare a Torquato Tasso e alla proposta di lettura che di questa esperienza letteraria presenta Leopardi nella Crestomazia. Altrettanto decisivi si rivelano il versante della lingua cortigiana di Castiglione e più ampiamente quello della lingua degli epistolari cinquecenteschi nel loro progressivo costituirsi come genere letterario, i carteggi che intercorsero tra gli artisti e la presenza della funzione epistolare nella novellistica, spia testuale dell’essere la lettera costantemente in equilibrio tra privato e pubblico, tra progettualità letteraria e forma della comunicazione.

Dettagli

Categorie

Saggistica, Storia

Dimensioni del file

2,9 MB

Lingua

ita

Anno

2016

Isbn

9788863729719

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.