107 haiku - Bookrepublic

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 7,99

Descrizione

Profumano di aria e paesaggi gli haiku di Maria Teresa Sanza, che alla professione legale alterna ritmiche fughe nella poesia, inseguendo ormai da moltissimi anni una forma sospesa fra la narrazione e l’immagine in versi. In questa nuova raccolta è lo spazio della sua giornata il luogo in cui ci ospita, uno stralcio della sua terra – haiku da Potenza – dove la luce e i colori trovano immediata rispondenza nella pennellata, uno sfogo che dalla pioggia delle montagne si affaccia spesso sul mare e dalla stagione interiore e nuvolosa del gelo su quella serena e solatìa della vacanza (da sé, dal mondo, dalle responsabilità). Così, ora appaiono oggetti – una canna da pesca in una giornata estiva –, ora sensazioni: Maria Teresa Sanza registra il giorno che passa, lo scorrere regolare del tempo, la quieta battaglia del vivere. Il silenzio, il ricordo, un paio di mani, un’arancia, un pino: piccole parti di un grande tutto, figure dell’insieme che ci resta da immaginare. È come se nell’haiku l’autrice smetta i suoi panni adulti e torni finalmente bambina, essenziale, scevra da voli pindarici, sfuggendo al controllo mentale per il breve istante che la riporta alla concretezza del vivere. Ma l’ansia morde, la si sente accanita: così, se il panorama estivo cerca di prendere il sopravvento, è spesso un inverno dell’anima che fa capolino, “Non so cos’è: l’aria è ferma e cade la pioggia”. Il cambiamento incombe o si mostra nella sua impossibilità: “Nero il giorno. Profumato di vuoto. È l’urlo muto”. Talvolta, ma sono casi rarissimi, anche l’ordine sociale, e non quello personale, diventa protagonista: “Politicanti/ in lotta accanita:/ cani di chianca”. E qui l’accettazione e la contemplazione dell’haiku si spezza, parte l’invettiva.Una raccolta come paesaggio dell’anima: più che finestra, sportellino – minuscola apertura dal piano alto di un fienile – su un paesaggio la cui immensa ampiezza ci è negata e che pure s’intuisce, desiderio di condivisione che si realizza a fatica, imbrigliato: forse uno dei modi in cui l’haiku giapponese sbarca nel mondo globalizzato, individualista e frammentato. Tuttavia, il delicato femminile della perdita e dell’assenza trova un suo specifico: “Solo dolore./ Tuo figlio perduto./ Sguardo nel vuoto”, che è subito anche ritratto, piccolo quadro, scatto fotografico dell’altro da sé che si riverbera nel personale. E, per fortuna, ogni tanto si torna a sé: “Giro di luce./ Rosso intorno al blu./ Il mio piacere”.Una lettura fatta di gocce, perle opache ma preziose.

Dettagli

Dimensioni del file

520,0 KB

Lingua

ita

Anno

2016

Isbn

9788864383651

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.