Il diritto come pretesa individuale

di

Bruno Leoni

IBL Libri

Il diritto come pretesa individuale - Bookrepublic

Il diritto come pretesa individuale

di

Bruno Leoni

IBL Libri

FORMATO

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 1,99

Descrizione

All’interno della cultura italiana del Novecento, Bruno Leoni è stato l’interprete più rigoroso della tradizione del liberalismo classico. Anche a livello internazionale il suo contributo alla riflessione sul diritto ha aperto strade nuove e inaugurato una linea di pensiero assai originale, che ha contrapposto il diritto evolutivo (dallo jus civile romano al common law inglese) alla legislazione che contraddistingue i nostri tempi.In questo breve saggio del 1964, Leoni descrive la sua teoria del diritto, che è visto come il risultato dell’incontro tra le pretese degli individui. Nella sua effettività, ogni ordinamento giuridico vive grazie a una negoziazione sociale. Ognuno di noi avanza pretese sul comportamento altrui (non vuole essere aggredito, ad esempio) e questo intrecciarsi di pretese produce l’emergere di norme, in analogia a quanto avviene sul mercato quando l’incontro dell’offerta e della domanda porta al manifestarsi di prezzi. Sono allora gli individui – con i loro valori, con le loro pratiche, con le loro azioni quotidiane – a delineare il quadro giuridico di fondo, al punto che le stesse leggi promulgate dai parlamenti sono efficaci se sanno mettersi in sintonia con questa rete di relazioni sociali.Se ne "La libertà e la legge" Leoni aveva contrapposto il diritto alla legislazione, qui lo studioso liberale evidenzia come il processo di elaborazione spontanea del diritto possa essere letto all'interno dei quadri concettuali di un individualismo metodologico rigoroso e possa, al tempo stesso, favorire l'avvento di un ordine giuridico posto a difesa delle libertà dei singoli.Bruno Leoni (1913-1967), allievo di Gioele Solari all'Università di Torino, insegnò Filosofia del diritto e Dottrina dello Stato all'Università di Pavia. Qui fondò e diresse la rivista «Il Politico». Fu presidente della Mont Pèlerin Society, il club fondato da Friedrich von Hayek per riunire studiosi di ispirazione liberale di diversi paesi. Fra le sue opere vanno ricordate le “Lezioni di dottrina dello Stato” del 1957 (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2004) e le “Lezioni di filosofia del diritto” del 1959 (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003), “La libertà e la legge” del 1961 (Macerata, Liberilibri, 1995) e “Il pensiero politico moderno e contemporaneo” (Macerata, Liberilibri, 2009).

Dettagli

Dimensioni del file

75,9 KB

Lingua

ita

Anno

2013

Isbn

9788864401485

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.