E a mio nipote Albert lascio l'isola che ho vinto a Fatty Hagan in una partita a poker

di

David Forrest

Il Saggiatore

E a mio nipote Albert lascio l'isola che ho vinto a Fatty Hagan in una partita a poker - Bookrepublic

E a mio nipote Albert lascio l'isola che ho vinto a Fatty Hagan in una partita a poker

di

David Forrest

Il Saggiatore

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 10,99

Descrizione

Gran Bretagna, primi anni settanta. Un’isoletta nella Manica, al di fuori delle acque territoriali inglesi: pochi metri di rocce e scogli, nessun albero e una nutrita popolazione di gabbiani. Agli occhi del giovane Albert – ne è appena diventato il proprietario grazie all’eredità dello zio Alf, che l’ha vinta in una leggendaria partita a poker – l’isola ha un’unica attrattiva: la bellissima Victoria, figlia di un avvocato, che vi si reca ogni giorno a prendere il sole. Una sera i due rimangono soli avvolti in una fi tta nebbia e, mentre Albert si accinge a sedurre la ragazza, un peschereccio della marina sovietica si incaglia sugli scogli.Più che dall’invasione della sua proprietà, Albert è sconvolto dallo scoprire che il peschereccio è in realtà una sofisticata nave spia. Il padre di Victoria consiglia al protagonista di affittare ai russi parte dell’isola per una cifra altissima, in attesa di disincagliare la nave. L’Unione Sovietica accetta con entusiasmo, conquistando una postazione radar nel cuore delle acque inglesi. La risposta degli Stati Uniti non si fa attendere: in poco più di un’ora affittano l’altra metà dell’isola e vi sbarcano un reparto di marines.Gli occhi del mondo sono puntati sull’isola di Albert, che riproduce in miniatura le tensioni della Guerra fredda: le due superpotenze si affrontano armate, separate da una barriera di filo spinato sorvegliata da un mastino asmatico e da una striscia di rocce, dove sono piantate le tende inglesi.La convivenza forzata in uno spazio tanto ristretto sortisce però effetti imprevisti.Tra grottesche missioni segrete, improbabili azioni di sabotaggio, spedizioni in cerca di alcolici, russi e americani si rendono conto di avere molto in comune...Pubblicato per la prima volta in Italia nel 1977, E a mio nipote Albert lascio... ha avuto un enorme successo con la sua miscela di antimilitarismo e satira grottesca. Nonostante le richieste dei lettori non è stato mai ristampato – nemmeno in patria – fino a questa edizione del Saggiatore, una riscoperta a livello mondiale di un grande classico dello humor britannico.

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

468,6 KB

Lingua

ita

Anno

2012

Isbn

9788865762356

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.