Note sulla valutazione probatoria nei secoli XVI e XVII

di

Cornelia Cogrossi

Cornelia Cogrossi

Note sulla valutazione probatoria nei secoli XVI e XVII - Bookrepublic

Note sulla valutazione probatoria nei secoli XVI e XVII

di

Cornelia Cogrossi

Cornelia Cogrossi

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 3,49

Descrizione

La differenzione operata dai “culti” tra “ quaestio facti” e “quaestio iuris” fece emergere la valutazione giudiziale “ ex sententia animi”, secondo il rescritto Adrianeo, e mise totalmente in ombra le “prove legali” escogitate dai “ doctores”. Anche la prova indiziaria fu ritenuta atta a convincere il giudice, mentre si assegnò sempre maggiore importanza al dettato legislativo in merito alla pena da irrogare. Dal canto suo la dottrina italiana era sempre più propensa a porre in rilievo la “ratio legis” ed a negare che fosse possibile operare una “extensio in poenalibus”. Divergenze fra le teorie degli Umanisti e la prassi forense si manifestarono sulla interpretazione della legge, ma per quanto concerneva il “quanto ed il “quale” della prova, entrambi contribuirono a rafforzare il potere di “arbitrium” assegnato ai giudici dei tribunali superiori.

Dettagli

Dimensioni del file

260,0 KB

Lingua

ita

Anno

2012

Isbn

9788867553310

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.