Uno spillo nell'anima

di

Filely

Lettere Animate Editore

Uno spillo nell'anima - Bookrepublic

Uno spillo nell'anima

di

Filely

Lettere Animate Editore

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 0,99

Descrizione

Prefazione La neve, il freddo e il gelo, vette alte da scalare e un eco da sentire. Una creatività perduta, un estro da ritrovare, una matita e un foglio per ricominciare. E poi due occhi che in silenzio leggono uno sguardo, due occhi che ti accompagneranno nel lungo viaggio. Sinossi Una baita immersa nella neve, alte vette bianche, maestose e imponenti che Davide guarda dalla sua finestra domandandosi quando la sua creatività ritornerà. "Là fuori, in quello spazio senza tempo, un cielo vasto attendeva solo me, speranzoso di poter divenire, in un futuro prossimo, il soffitto dei miei sogni e desideri. I sogni in realtà, li facevo solo ad occhi chiusi, quando finalmente riuscivo a prendere sonno. Ed erano sogni pieni di lei e di quelle iridi che erano divenute la mia pace e il mio tormento." Lui è uno stilista, stacanovista ed eccentrico, ma senza il suo estro nulla per lui ha più senso, se non due occhi chiari che continua a sognare. Una dea dell'inverno, Cailleach, così la chiama lui ed è in lei che ripone ogni sua speranza. "Un nuovo sonno mi accolse a braccia aperte, un sonno sereno, un sonno rivelatore, un sonno nel tempo, un sonno che fu viaggio, un sonno che mi riportò alla mente i suoi occhi, quegli occhi fugaci che poche volte avevo avuto il piacere di ammirare, quegli occhi che, mi suggerì l’inconscio, mi avevano letto sul serio." E quella speranza cresce quando lei, Giulia, accetta di trasferirsi alla baita per aiutarlo nella creazione della sua nuova collezione di abiti. E così Davide non è più solo e in quella nuova e tanto attesa compagnia, ritrova se stesso. "Lei si avvicinò piano a me, senza dire una parola e rimanemmo lì, per non so quanto tempo, ad udire il soffio del vento. Per la prima volta, non mi sentii solo nella mia solitudine e la solitudine stessa mutò, divenendo moltitudine condivisa." La convivenza però, non è sempre pacifica e anche le rose d'inverno nascondono le loro spine. Vivere sotto lo stesso tetto infatti, comporta il dover fare i conti con impulsi difficili da domare e con sentimenti che nascono senza preavviso. "Caldo. Freddo. Freddo. Caldo. La mia pelle a contatto con la sua: dolce e straziante tepore." E se il calore scioglierà il freddo, il fuoco scalderà o diverrà cenere?

Dettagli

Categorie

Letteratura

Dimensioni del file

68,0 KB

Lingua

ita

Anno

2016

Isbn

9788868827205

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.