Dei delitti e delle pene

di

Cesare Beccaria

Passerino

Dei delitti e delle pene - Bookrepublic

Dei delitti e delle pene

di

Cesare Beccaria

Passerino

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 0,99

Descrizione

L’opera più famosa dell’Illuminismo italiano, scritta nel 1764 da Cesare Beccaria, nella quale vengono affermati il rifiuto della pena di morte, l’inutilità della tortura e il vero scopo rieducativo delle sanzioni.

L’autore

Cesare Bonesana-Beccarìa, marchese di Gualdrasco e di Villareggio (Milano, 15 marzo 1738 – Milano, 28 novembre 1794) fu un giurista, filosofo, economista e letterato italiano, figura di spicco dell’Illuminismo, legato agli ambienti intellettuali milanesi.

Prefazione a cura di Giovanni Fantasia
Nato a Gaeta nel 1984 e giornalista pubblicista dal 2008, ha collaborato con quotidiani, periodici, programmi radiofonici e siti internet di informazione. Laureato in Industria Culturale e Comunicazione Digitale ha ricoperto l’incarico di addetto stampa del Comune di Gaeta dal 2007 al 2012.

Dettagli

Dimensioni del file

2,3 MB

Lingua

ita

Anno

2014

Isbn

9788890928260

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.