Emarginati, matti e bizzarri nel medioevo

di

Massimo Laviani , Felice Zadra

ilmiolibro self publishing

Emarginati, matti e bizzarri nel medioevo - Bookrepublic

Emarginati, matti e bizzarri nel medioevo

di

Massimo Laviani , Felice Zadra

ilmiolibro self publishing

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Il medioevo, nonostante quel che spesso si pensa, è stato una civiltà dell'immagine, un'epoca nella quale i castelli, le cattedrali, i mulini a vento e le armature dei cavalieri parlavano. Ed in quell'epoca non esisteva ufficialmente la figura del diverso o dell'emarginato, se si fa eccezione per il "bandito", persona che per decisione di un nobile locale o di un ecclesiastico, era respinta al di fuori dei confini di una zona. Una vasta pletora di folli, emarginati e diversi viveva ai margini delle comunità medioevali, fonte di ispirazione letteraria come nella "Chanson de Roland" o nel "Yvain ou le chevalier au lion" di Chrétien de Troyes. La Chiesa cattolica introdusse nella società una serie di regole e gerarchie rigide trasmettendo alle persone "incomprensibili e diverse", un senso di allontanamento intenso e profondo. Senza cancellare le tracce delle immagini parlanti che seppe creare nei secoli la civiltà medioevale a partire dai folli, i diversi, gli emarginati e i bizzarri.

Dettagli

Categorie

Saggistica, Storia

Dimensioni del file

1,7 MB

Lingua

ita

Anno

2014

Isbn

9788891080646

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.