EuroRomanzo. Da Maastricht alle tentazioni di fuga

di

Giovanni Bucchi

Informant

EuroRomanzo. Da Maastricht alle tentazioni di fuga - Bookrepublic

EuroRomanzo. Da Maastricht alle tentazioni di fuga

di

Giovanni Bucchi

Informant

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 3,99

Descrizione

29 ottobre 1992: mentre il ciclone Tangentopoli si abbatte su tutto il Paese, a Montecitorio si respira un’aria da ultimi giorni dell’impero. In questo clima da resa dei conti, la Camera dei Deputati approva il Trattato di Maastricht: l’Italia muove il primo passo verso la moneta unica così, quasi senza accorgersene.Il giornalista economico Giovanni Bucchi muove da quelle giornate convulse per raccontare il romanzo dell’euro e sviluppare un’indagine sulla lunga caduta dell’Italia, passata da quinta potenza industriale globale a vittima della peggiore crisi dal Dopoguerra: la fine della lira è davvero la prima causa del declino italiano? Quanto è stata determinante l’incoscienza della classe dirigente durante il percorso di avvicinamento alla moneta unica? È troppo tardi per rimediare a quegli errori fatali, oppure non sarebbe davvero il caso di valutare una exit strategy?Dopo i toni urlati dell’ultima campagna elettorale e la vittoria dei partiti antieuropeisti in Francia e nel Regno Unito, “EuroRomanzo. Da Maastricht alle tentazioni di fuga” racconta il peccato originale dell’euro senza preclusioni di schieramento, con l’aiuto dei principali esperti: da Loretta Napoleoni a Riccardo Puglisi, da Oscar Giannino a Claudio Borghi, da Paolo Savona a Emiliano Brancaccio.

Dettagli

Dimensioni del file

2,0 MB

Lingua

ita

Anno

2014

Isbn

9788898194230

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.