Canti - Bookrepublic

FORMATO

Social DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 1,49

Descrizione

I Canti di Leopardi rappresentano una delle vette massime raggiunte dalla poesia in senso assoluto e probabilmente l'acme irripetibile della nostra produzione poetica. Composte tra il 1818 e il 1836, le poesie racchiuse in questa preziosa raccolta appartengono a tre diverse fasi della vita dell'autore e ne segnano, per così dire, il percorso esistenziale dalla natia Recanati alla Firenze dell'amata Fanny Targioni Tozzetti. In questi componimenti rintracciamo la sua visione della vita nel senso più alto e filosofico del termine, ma anche le sue vicissitudini personali (come, ad esempio, in A Silvia). La potenza dei versi de L'Infinito (“e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei”) risuonano accanto a quelli che, ne Il sabato del villaggio, scandiscono l'ansia frenetica e giovanile per il giorno più atteso della settimana. Alla fine però il cosiddetto pessimismo cosmico leopardiano trova una possibile via di uscita ne La ginestra o Il fiore del deserto, la pianta che riesce a nascere e vivere anche nella dura e avversa pietra lavica.


Giacomo Leopardi nasce a Recanati, all'epoca appartenente allo Stato Pontificio, il 29 giugno 1798. Primo di dieci figli e di nobili origini riceve, grazie alla ricchissima biblioteca familiare e ai suoi precettori, un'ottima educazione classica e filosofica. Già cagionevole di salute e di costituzione mal ferma finisce, con uno studio da lui stesso definito matto e disperatissimo, a compromettere per sempre le sue condizioni di vita. Oppresso dall'autorità paterna e soprattutto materna cerca presto di lasciare il natio borgo selvaggio al fine di conoscere e farsi conoscere. Viaggia molto (Roma, Milano, Bologna, Firenze, Pisa) e ama altrettanto senza però essere corrisposto e trova, infine, nella fraterna e profonda amicizia con il giovane esule napoletano Antonio Ranieri un porto sicuro dove beneficiare di conforto e sostegno. Tra le opere più importanti ricordiamo qui le Operette morali e lo Zibaldone. Muore a Napoli il 14 giugno 1837. Nel 2014 Mario Martone ha portato sul grande schermo la vita dell'immortale poeta nel film Il giovane favoloso.

Dettagli

Dimensioni del file

538,0 KB

Lingua

ita

Anno

2014

Isbn

9788899181079

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.