Il pensiero autisticamente indisciplinato in medicina e il suo superamento

di

Eugen Bleuler

Polimnia Digital Editions

Il pensiero autisticamente indisciplinato in medicina e il suo superamento - Bookrepublic

Il pensiero autisticamente indisciplinato in medicina e il suo superamento

di

Eugen Bleuler

Polimnia Digital Editions

FORMATO

Nessuna protezione

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 19,99

Descrizione

Questo pamphlet del grande psichiatra di Zurigo, che in Italia non ha avuto tuttora ricezione, merita attenta considerazione. Bleuler è noto per aver elaborato il concetto di schizofrenia, una forma di malattia mentale caratterizzata da due segni meno: mancanza di unità intellettuale, o dissociazione, e mancanza di partecipazione affettiva all’ambiente, o autismo. La provocazione di questo libro è che la medicina stessa può essere gravata da una di queste mancanze, se non da entrambe. Il pensiero autisticamente indisciplinato in medicina è il pensiero non scientifico che parassita il pensiero medico. Bleuler dà numerosi esempi di “superstizione medica”. Il suo intento è ripulire la medicina dagli assunti indimostrati e tramandati per tradizione nella pratica medica, ma senza validazione scientifica. Diventerà scienza la medicina dopo la ripulitura bleuleriana? Prudentemente Bleuler non si sbilancia. In  un certo senso lascia la responsabilità della risposta al lettore che l’ha seguito lungo le asperità di questa operazione chirurgica – vera pars destruens della dottrina ricevuta –, che arriva fin sulle soglie di una corretta epistemologia medica. L’operazione “antischizofrenica” di Bleuler, condotta in nome di un “sano realismo”, deve innervare la lunga preparazione dello studente alla professione medica. Oggi i tempi sono diversi da quelli di Bleuler. È, quindi, diverso il modo di sottrarsi al pensiero “autisticamente indisciplinato”. Il giovane medico deve assuefarsi all’uso di procedure tecnologiche complesse. Allora, anche l’autismo assume un’altra faccia: si riduce alla pura e cieca applicazione di dettati tecnici. L’autismo non è più superstizione, ma è sempre chiusura del medico in un mondo impermeabile alle richieste della persona che soffre e soffre per lo più “fuori” dagli schemi appresi dal medico a scuola. Allora ricordarsi delle provocazioni di Bleuler può essere per il giovane medico magari l’occasione per riconciliare la “dissociazione” tra sapere tecnico e sapere semplicemente umano.            

Dettagli

Dimensioni del file

387,0 KB

Lingua

ita

Anno

2017

Isbn

9788899193324

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.