Carlo Freccero

Originario di Savona inizia la sua lunga carriera in Fininvest, come direttore del palinsesto di Italia 1 e Canale 5, assistente del presidente di Rete 4 e presidente di La Cinq. Freccero approda poi in Rai nel 1993 come consulente e tre anni dopo, nel 1996, è direttore di Rai 2, che durante la sua direzione assumerà l'identità di rete giovane, alternativa e sperimentale. Tra i volti che ne hanno fatto parte, i fratelli Guzzanti, Serena Dandini, Fabio Fazio, Gad Lerner, Daniele Luttazzi, Michele Santoro e Piero Chiambretti; il programma di maggior successo, apprezzato da pubblico e critica, è "Anima Mia" (1997). Non più direttore di rete, nel 2005 è autore della trasmissione "Rockpolitik". Dal 2007 al 2010 è direttore e curatore del palinsesto di Rai Sat. Dal luglio 2008 è direttore di Rai 4, canale free del digitale terrestre, specializzato in film e serie tv di culto. A proposito della sua fortunata conduzione di rete, di recente ha scritto: «I favori dei fan hanno premiato tanto l'avanguardia produttiva rappresentata dalle reti via cavo americane, quanto i serial generalisti di culto di casa ABC, non meno audaci a quanto innovazioni narrative e ibridazione tra generi classici.
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.