Eric-Emmanuel Schmitt

Éric-Emmanuel Schmitt, nato a Sainte-Foy-lès-Lyon il 28 marzo 1960, è un drammaturgo e scrittore belga. Di origini franco-irlandesi, figlio di sportivi, ha preferito dedicarsi agli studi letterari. Dal 1991 ha intrapreso l’attività di drammaturgo, tuttora in corso: oggi le sue pièces teatrali sono rappresentate sui palcoscenici di tutta Europa. E’ inoltre diventato un saggista e romanziere. Tema portante delle sue opere, spesso di taglio filosofico, è la complessità dei rapporti nella vita privata. Schmitt, d'altro canto, predilige un punto di vista inedito, o quantomeno alternativo. Ne Il Vangelo secondo Pilato, è Ponzio Pilato a raccontare il mistero incomprensibile di Gesù; qualcosa che va al di là del processo, che Pilato chiama "il caso Jeshua", e persino al di là della Ragione. Da due sue opere sono stati tratti gli omonimi film: Le libertin (2000) di Gabriel Aghion, Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano (2003) di François Dupeyron, e Lezioni di felicità, diretto dallo stesso Schmitt.
Risultati trovati: 23
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.