Giordano Meacci

Nato a Roma nel 1971, Giordano Meacci si muove da tempo nel mondo della parola scritta e, recentemente, anche di quella raccontata al cinema. Collabora con l’Accademia degli Scrausi, associazione di giovani studiosi di Storia della lingua italiana che si sono raccolti nel 1992 intorno alla cattedra di Luca Serianni alla “Sapienza” di Roma. È stato tra i curatori di una rubrica sulla lingua italiana per il programma "Community" per conto della Società Dante Alighieri. Collabora con la casa editrice romana minimum fax per la quale ha lavorato al progetto "Scrivere un libro" (a cura di Carola Susani; con Francesco Pacifico e Cristiano de Majo) e curato corsi, stilato la prefazione del libro di Jack London dal titolo "Pronto soccorso per scrittori" (a cura di Monica Crassi e con la traduzione di Andreina Lombardi Bom). Per le edizioni Laterza, invece, insieme a Francesca Serafini, ha curato i primi tre titolo della collana per ragazzi "Celacanto" ("Il piccolo Cesare", "Ivar e Svala fratelli vichinghi", "Il bambino che inventò lo zero"). Con Claudio Caligari e Francesca Serafini ha scritto la sceneggiatura del film "Non essere cattivo" (2015), candidato al David di Donatello per la migliore sceneggiatura 2016. Il suo primo romanzo "Il cinghiale che uccise Liberty Valance" (minimum fax), è entrato nella cinquina del Premio Strega 2016.
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.